Coronavirus, Barbara D’urso e Matteo Salvini pregano in diretta: pioggia di critiche sui social

barbara d'urso preghiera
barbara d'urso preghiera

Barbara D’Urso e Matteo Salvini hanno pregato in diretta durante la puntata di “Live- Non è la D’Urso” su Canale 5. Una scena che, però, ha scatenato un’ondata di indignazione sul web.

La preghiera di Barbara D’Urso e Matteo Salvini

Al centro delle polemiche c’è l’Eterno Riposo, recitato all’unisono dalla conduttrice e dal leader della Lega. Entrambi hanno pregato per ricordare le oltre 10mila vittime del coronavirus in Italia. «Io lo posso recitare, perché tanto tutte le sere io faccio il rosario, non me ne vergogno, anzi sono orgogliosa di dirlo. L’eterno riposo, dona loro, o Signore, e splenda a essi la Luce perpetua. Riposino in pace, amen», ha detto Barbara D’Urso con le mani unite e seguita da Salvini.

Da quel momento una raffica di critiche ha tormentato il web. In molti, infatti, hanno sostenuto che la preghiera deve essere un momento intimo. E che quello non era altro che un modo per ‘spettacolizzare’ il dolore che il mondo sta vivendo.

 

Dal Grande Fratello ad infermiera, ex vincitrice in ospedale per combattere il covid-19

E’ stata vincitrice e protagonista induscussa del Grande Fratello qualche edizione fa, oggi Federica Lepanto dopo essersi laureata in Scienze infermieristiche a Bologna, è tornata in Campania e sta lavorando in un ospedale di Salerno.

Federica, come riportato dal sito Bitchyf, un’intervista rilasciata al settimanale Nuovo ha parlato di come l’emergenza del CoronaVirus sia arrivata anche nelle corsie dell’ospedale in cui lavora.

“Nella mia città c’è psicosi riceviamo di continuo telefonate di persone spaventate che non presentano sintomi specici ma hanno bisogno di sostegno psicologico.

Se c’è paura? Questo è il mio lavoro, noi sappiamo che cosa fare . L’atmosfera è molto triste e le prenotazioni per la stagione estiva sono state cancellate. Girano troppe notizie false. Bisogna rispettare le regole di igiene e i protocolli stabiliti dal Ministero della Salute. Serve un’informazione corretta.

Dobbiamo pensare comunque positivo e che tutto andrà bene, e io voglio crederci ma dobbiamo aiutarci tutti, condo nel buon senso umano”.