Blitz a Scampia nella ’33’, in manette un uomo un tempo vicino ai Marino

Un vero e proprio blitz. E’ quello condotto ieri pomeriggio dagli agenti del commissariato di Scampia (guidati da Giovanni Mandato) nella zona della cosiddetta ’33’. Durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, gli agenti hanno controllato in via Marrazzo un uomo a bordo di un’auto. I poliziotti hanno rinvenuto, nel vano bagagli sotto la ruota di scorta, 16 confezioni contenenti hashish per un peso complessivo di circa 4 chili.
In manette è così finito Mariano Isaia, 45enne. L’uomo risponde delle accuse di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Si tratta di un ‘volto noto’ alle forze dell’ordine. Qualche anno fa, in piena faida, per Isaia scattarono le manette insieme a Domenico Gargiulo. Era l’obiettivo designato della strage di Marianella poi culminata con l’omicidio dell’innocente Lino Romano. Gargiulo troverà poi la morte dopo qualche anno: il suo cadavere fu rinvenuto dagli agenti nel bagagliaio di un’auto nel settembre dello scorso anno (leggi qui).

Il precedente arresto di Isaia a Scampia

Era il maggio del 2013 quando i poliziotti penetrarono in un appartamento delle Case Celesti, al confine tra Secondigliano e Scampia, arrestano Gargiulo, Isaia e un 18enne. I tre avevano al polso orologi “Rolex” di grande valore ed indossavano t-shirt con l’ immagine di donne famose, un dettaglio che segnalerebbe l’ appartenenza a clan camorristici. Gargiulo era nel mirino dei sicari del gruppo rivale Abete-Abbinante. L’ appartamento nel quale scattò l’arresto era utilizzato fino all’estate prima da Gianluca Giuliano, divenuto collaboratore di giustizia dopo l’omicidio del boss Gaetano Marino, avvenuto a Terracina il 23 agosto scorso. I tre inquadrati come vicini all’organizzazione criminale della zona.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK