12.1 C
Napoli
domenica, Gennaio 23, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Colpo alle piazze di spaccio di San Giovanni e San Giorgio: 24 indagati. NOMI


Tra Napoli, Cercola, Volla, San Giorgio a Cremano e Viareggio, i carabinieri del nucleo investigativo di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a due ordinanze di custodia cautelare emesse nei confronti di 24 indagati dal Gip di Napoli ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico e alla detenzione di stupefacenti.  Contestualmente sono stati sottoposti a sequestro numerosi beni a fini di confisca.

Come riporta Cronache delle Campania l’inchiesta ha coinvolto il clan Formicola che controllava il traffico di droga nel Bronx di San Giovanni a Teduccio. Secondo il giudice per le indagini preliminari Dario Gallo il gruppo delinquenziale era radicato sul territorio e ha caratteri tipici dell’associazione di tipo camorristico: venivano pagati gli affiliati in base ai guadagni, assicurate le ‘mesate’ ai detenuti, controllato il territorio con affiliati e fiancheggiatori, disponibilità di utenze telefoniche e di motocicli, attività di reclutamento delle nuove leve .

Secondo le intercettazioni condotte dal luglio del 2013 al marzo del 2014, si sono scoperte tre piazze di spaccio: due a San Giovanni a Teduccio e una a San Giorgio a Cremano. Quella di vico I Marina ai due Palazzi si vendeva cocaina agli ordini di Salvatore Rispoli, figlio di Giulia Formicola, nei pressi nell’abitazione di Anita Ronza e Ernesto Fusaro. Rispoli gestiva rifornimenti mentre la coppia era il braccio operativo. Enzo Ciccone e Antonio Visone supportavano sul piano operativo Rispoli, senza tralasciare il controllo della piazza. Luigi Donadeo era incaricato del rifornimento della cocaina.

LA ROTTURA

La rottura degli equilibri interni del clan sarebbe dovuta al duro controllo di Giulia Formicola, rispetto alla gestione dei proventi tenuta dal figlio. Fusaro e Ronza inizialmente si rifornivano da Antonio Scognamiglio promettendo di versare la metà dei guadagni nella casse del clan, dopo si sono allontanati definitivamente dal sodalizio.

Fusaro è stato arrestato nel dicembre del 2013, dopodichè Anita Ronza assumeva la gestione della piazza di spaccio ed ha deciso di lasciare Giulia Formicola. Inizialmente si riforniva da Maurizio Donadeo e poi da Antonio Scognamiglio, quest’ultimo non collegato al clan Rispoli-Formicola.

La Ronza, in collaborazione con il cognato Salvatore Fusaro e dell’acquirente Ferdinando Palermo, ha iniziato la vendita al dettaglio di cocaina sia nella sua abitazione di San Giovanni a Teduccia che nella casa della madre a Cercola.

Visto il regime degli arresti domiciliari Ernesto Fusaro ha ingaggiato Enzo Ciccone e Antonio Visone per la vendita, in collaborazione anche con Giuseppe Fusaro e Vincenza Fusaro.

Nelle dinamiche del clan è emersa Assunta Rispoli, figlia di Giulia Formicola, che aveva il compito di fare da tramite tra la madre e la coppia Fusaro-Ronza e Vincenza Fusero. Assunta portava i messaggi del detenuto Salvatore Rispoli al fratello Ernesto Fusaro.

LE PIAZZE AUTONOME

Esistevano due piazze di spaccio autonome. La prima vendeva cocaina ed era organizzata da Maurizio Donadeo e Massimo Rispoli: allestita nel Parco Colombo di San Giovanni A Teduccio. La seconda smerciava hashish ed era organizzata da Antonio Pagano, con il supporto di Emanuele Magro nella loro abitazione di San Giorgio a Cremano. Ernesto Fusaro e Anita Ronza gestivano la piazza nel vico I Marina ai due Palazzi e zone limitrofe. I due vendevano la droga ai clienti attraverso le telefonate, attraverso le quali venivano fissati gli appuntamenti

Il sodalizio criminale faceva capo Salvatore Rispoli di San Giovanni a Teduccio, quartiere controllato dal clan Formicola.

 

– CAPPELLO Alessandro, nato a S. Giorgio a Cremano i129.06.1988;
– CICCONE Enzo nato a Napoli i124.08.1987; IN CARCERE
– DONADEO Luigi nato a Napoli il 07.07.1970; IN CARCERE
– DONADEO Maurizio nato a Napoli il24.06.1978; IN CARCERE
– FORMICOLA Giulia nata a Napoli il 05.04.1965; IN CARCERE
– FUSARO Ernesto, nato a Napoli il 05.11.1982; IN CARCERE
– FUSARO Vincenza nata a Napoli il 05.11.1989; (indagato)
– FUSARO Giuseppe nato a Napoli i118.03.1988; (indagato)
– FUSARO Salvatore nato a Napoli il 04.02.1984; (indagato)
– GUARINO Raimondo nato a Napoli il 03.09.1973; (indagato)
– IMPERATO Vittorio nato a Torre del Greco il18.09.1982; (indagato)

– MAGRO Emanuela nata a Napoli i118.12.1985; (indagato)
– PAGANO Antonio nato a Torre del Grero il 02.07.1978; (divieto di dimora in Campania)
– PAGANO Luca nato Torre del Greco ì26.09.1990; (indagato)
– PALERMO Ferdinando nato a S. Giorgio a Cremano il 04.09.1982; (divieto di dimora in Campania)
– POMPEO Aniello nato a Torre del Greco 1’01.01.1979, collaboratore di giustizia;
– POMPEO Rosa nata aTone del Greco 1128.01.83, collaboratore di giustizia;
– RISPOLI Assunta nata a Napoli ill4.08.!987; (divieto di dimora in Campania)
– RISPOLI Massimo nato a Napoli i121.12.1977; IN CARCERE
– RISPOLI Salvatore nato a Napoli il25.03.1984; IN CARCERE
– RONZA Anita nata a Napoli il27.11.1984; (divieto di dimora in Campania)
– SCOGNAMIGLIO Antonio nato Napoli il20.11.78; IN CARCERE
– VANNUCCINI Luigi nato a Torre del Greco 31.01.1970; (indagato)
– VISONE Antonio nato a Napoli il22.07.1987, collaboratore di giustizia;

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Covid, il bollettino della domenica sorride alla Campania: la quarta ondata sta per finire

In calo l'indice di contagio in Campania: il dato è del 13,44% rispetto al 15,34 di ieri. I positivi...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria