Ciro Oliva di Concettina ai Tre Santi
Ciro Oliva di Concettina ai Tre Santi

“Non trovo personale per colpa del reddito di cittadinanza”, è questo l’appello di Ciro Oliva, titolare della pizzeria Concettina ai Tre Santi.

“Difficilissimo trovare pizzaioli, fornai, ragazzi di sala. Tanti prendono il reddito di cittadinanza e trovano più comodo avere i soldi fino a casa senza lavorare oppure, e sono numerosi, vorrebbero un impiego al nero. Ma da Concettina ai Tre Santi lavoriamo stando sempre nelle regole. Chi viene da noi ha un regolare contratto e non facciamo maneggi” ha dichiarato il giovane pizzaiolo al Corriere del Mezzogiorno.

Concettina ai Tre Santi non trova personale: “Colpa del reddito di cittadinanza”

“Noi all’interno abbiamo trentacinque posti, fuori cento copertiracconta Ciro Oliva -. Da me lavorano 30 ragazzi, ma sarebbe importante poter contare su altre forze. Lavoriamo molto con i turisti, che stanno lentamente tornando. In genere non chiudiamo neanche: si incomincia prima di mezzogiorno e si va avanti fino a sera. La volontà e la ferma disciplina del lavoro è quella che ci ha portato all’eccellenza e nel nostro team c’è posto per chi vuole essere con noi, con queste premesse”.

LA POSIZIONE DI POTERE AL POPOLO

“Ogni giorno un imprenditore si sveglia e addossa la colpa dell’assenza di manodopera al reddito di cittadinanza. Solo ieri Leopoldo Mastelloni a “Non è l’Arena” aveva sentenziato che “il reddito di cittadinanza disincentiva a cercare lavoro”. Stamattina è il turno di Ciro Oliva dalle pagine del Corriere del Mezzogiorno: “cerco pizzaioli, ma i ragazzi preferiscono il sussidio al lavoro”.

Allora voglio lanciare una sfida – a lui e a tutti quegli imprenditori che ripetono la stessa solfa: che contratto si offre? Per quante ore di lavoro al giorno? Per quali orari? Per quale paga? Perché magari esce fuori che ciò che disincentiva a cercare lavoro non è il reddito di cittadinanza, ma le paghe da fame e le condizioni schiavistiche che si osano offrire nel nostro Paese. E che, è bene dirlo, se sono possibili è solo grazie a una politica che non ha nemmeno il coraggio di approvare una legge che imponga un salario minimo dignitoso”, dichiara il portavoce di Potere al Popolo Giuliano Granato

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.