Taglio di stipendi dopo il dramma Champions, il Napoli può perdere Insigne e Mertens
Taglio di stipendi dopo il dramma Champions, il Napoli può perdere Insigne e Mertens

Sarà sicuramente un’estate infuocata quella che vivrà il Napoli quest’anno. Secondo La Gazzetta dello Sport, la questione legata al rinnovo di Lorenzo Insigne, potrebbe diventare un vero e proprio tormentone. Le parti, difatti, hanno fatto capire che la discussione non sarà semplice. Da una parte c’è la fermezza di ADL che andrà a scontrarsi con le pretese del capitano azzurro, d’altra parte invece quest’ultimo non vuole rinunciare all’ultimo contratto di un certo livello della sua esperienza professionale.

Scontro De Laurentiis – Insigne

È certo, ormai, che tra domanda e offerta ci sia una sostanziale differenza. Quest’ultima sarebbe assai lontana dai termini che imporrà il patron della società partenopea. Ad incidere soprattutto il bilancio, che quest’anno si è chiuso con un passivo di circa 20 milioni di ero e, dunque, c’è la necessità di sistemare i conti.

Le ipotesi e la situazione di Dries Mertens: anche l’attaccante belga potrebbe lasciare il Napoli

L’unico modo per farli quadrare sarà la riduzione degli stipendi. Un’operazione che andrà a riguardare, ovviamente, i contratti più onerosi. Tra questi, non poteva mancare quello del capitanoLorenzo Insigne, che guadagna 4,6 milioni di euro a stagione ed ha il contratto in scadenza a giugno 2022. Altro indiziato a partire potrebbe diventare Dries Mertens: il suo stipendio pesa sulla voce uscite di circa 9 milioni lordi e, considerato che ha già compiuto 34 anni, se dovessero arrivare delle richieste, verranno valutate, anche perché a giugno prossimo l’attaccante belga andrà in scadenza e, dunque, lo si perderebbe a costo zero.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.