Conte annuncia bonus da 600 euro, richieste all’Inps dal primo aprile

bonus 600 euro primo aprile
Il bonus da 600 euro annunciato da Conte

Il premier Giuseppe Conte ha tenuto poco fa una conferenza stampa, l’ennesima per spiegare i provvedimenti economici alla luce dell’emergenza del coronavirus. “Abbiamo previsto un pagamento di cinque bonus indennizzi da 600 euro che vanno a beneficio dei professionisti, dei collaboratori continuati e continuativi, lavoratori autonomi, artigiani, coltivatori diretti, stagionali del turismo, agricoli, dello spettacolo. Tutti hanno diritti un bonus riferito al mese di marzo. Siamo facendo di tutto perché già presentando la domanda al primo aprile. Con un semplice pin semplificato sul cellulare che verrà scaricato sul portale dell’Inps, si possa con l’ausilio di patronati, call center, ottenere subito la disponibilità di queste somme“.

SOLDI AI COMUNI

Siamo vicini a tutte le famiglie italiane, ci sarà subito un provvedimento di urgenza. Ho firmato un decreto di 4 miliardi per i comuni che saranno gestiti dai sindaci. In più ci saranno 400 mln del governo che saranno utilizzati per buoni spesa e dati agli 8mila comuni italiani”,  ha detto Conte.

IL VIDEO DELL’ANNUNCIO DEL BONUS

IL BILANCIO DI OGGI

Nuova conferenza stampa nella sede della Protezione civile per la lettura del bollettino quotidiano sull’epidemia da Coronavirus in Italia. A dare i numeri della giornata è nuovamente Angelo Borrelli. Il numero complessivo dei contagiati ha raggiunto i 92.472 (compresi decessi e guariti). Complessivamente sono 70.065 i malati nelnostro Paese, con un incremento rispetto a ieri di 3.651 (venerdì l’incremento era stato di 4.401).

Rallenta un po’ la velocità della curva di crescita in Veneto, dove però si registrano altri 280 casi di positività al Covid-19 rispetto a ieri sera. Tra questi, anche uno a Vò, rimasto a zero per molti giorni. Il bollettino della Regione segna 7.930 contagiati,dall’inizio dell’epidemia. Si contano purtroppo altri 20 decessi nei confronti dell’ultimo report; le vittime totali raggiungono quota 362.