Giugliano. A San Pio X calorosa accoglienza al nuovo parroco Don Francesco Riccio

Si è tenuta ieri, presso la Parrocchia San Pio X di Giugliano, la Celebrazione Eucaristica di inizio del ministero pastorale del nuovo parroco don Francesco Riccio. Alle 18:30 alla presenza di S.E.Mons. Angelo Spinillo, Vescovo della Diocesi di Aversa, di Mons.Franco Picone, vicario generale, Mons.Angelo Parisi, vicario foraneo, e del clero della città, Don Francesco è stato accolto nella comunità più numerosa della città di Giugliano con un caloroso e fraterno ‘Bentornato’.

Un bentornato che richiama il sacerdote nella sua città, e in quella parrocchia già vissuta durante il suo primo anno da novello sacerdote dopo essere stato seminarista presso il Santuario Maria SS.Annunziata. ‘Bisogna ubbidire a Dio o agli uomini? La comunità cristiana insieme ai sacerdoti è chiamata ad essere il luogo della grazia di Dio. Quando si cambia un parroco non c’è nessuno che diventa più ricco o povero ma si cammina ugualmente insieme’- queste le prime parole dell’omelia del Vescovo Spinillo che ha presieduto la Santa Messa animata dal coro dei giovani.

Giovani ben noti al caro Don Francesco per anni partecipe e protagonista dell’Azione Cattolica in qualità di assistente diocesano del settore giovani, e responsabile della pastorale giovanile. ‘ Benvenuto nella tua e nella nostra Parrocchia. Continueremo ad essere ciò che siamo stati. Ci lasciamo sorprendere da Dio in questo nuovo cammino insieme’- con queste parole Melania, a nome della comunità ha donato al
sacerdote tre immagini come augurio ed incoraggiamento.

Applausi scroscianti, entusiasmo, e centinaia di fedeli hanno nuovamente salutato don Tommaso D’Ausilio ed accolto don Francesco Riccio. Presenti anche il Sindaco Antonio Poziello, il Comandante della Compagnia dei Carabinieri di Giugliano Cap.Antonio De Lise, il vicepresidente del consiglio comunale Luigi Sequino, il consigliere Francesco Iovinella.
‘ Sono emozionato anche per i rapporti personali che mi legano ad entrambi i sacerdoti. Vorrei ringraziare Don Tommaso per il lavoro svolto in questi 19 anni e dare il benvenuto a Don Francesco, insieme costruiremo la città, ed anche la piazzetta di San Pio X’- ha affermato il primo cittadino.

Una cartolina, che riporta al passato, e proietta al futuro è stato il simbolo scelto da don Francesco per iniziare il nuovo percorso di vita e di fede. Con un passo tratto da ‘Le città invisibili’ di Italo Calvino, il nuovo parroco ha salutato i confratelli, le istituzioni, e le rispettive comunità. Presenti anche tanti fedeli, e potremmo dire fedelissimi della parrocchia San Giovanni Battista di Savignano di Aversa, che con cuore
nostalgico ed emozionato hanno accompagnato l’amico sacerdote in un momento così importante.

‘Così come scritto in questo libro, siamo uomini e donne impegnati da Dio nella costruzione del regno. Chiesa e città insieme come pietre vive. Operai che nella prima e nell’ultima ora sono li pronti ad edificare ed a trovare ristoro ai piedi di Gesù’- ha chiosato don Francesco. Con un sorriso e la trepidazione di chi si appresta a vivere una nuova missione ha poi affermato: “E’ qui che continua il progetto di Dio per questa parrocchia e per la mia vita. Siamo uniti in cammino nella nostra parrocchia e nella nostra città. Grazie di
cuore a tutti”.