Quantcast
5.5 C
Napoli
mercoledì, Febbraio 8, 2023

Il Catanzaro vince 3-0: i tigrotti escono a testa alta dal “Ceravolo”

Pubblicità

CATANZARO (3-5-2): Fulignati; Scognamiglio, Brighenti, Martinelli; Vandeputte, Bombagi (57’ Cinelli), Ghion, Verna (71’ Pontisso), Tentardini (71’ Situm); Biasci (57’ Curcio), Iemmello (84’ Cianci). A Disposizione: Sala, Rizzuto, Fazio, Welbeck, Gatti, Katseris, Mulè. Allenatore: Vivarini

GIUGLIANO (4-3-3): Sassi; Iglio (75’ Rondinella), Zullo (80’ Rizzo), Biasiol, Oyewale; Gladestony (75’ Ghisolfi), Ceparano, De Rosa; Kyerematemg (60’ Nocciolini), Salvemini, Di Dio (80’ Gomez). A disposizione: Viscovo, Rob Coprean, Berman, De Francesco, Felipe, Scanagatta, Poziello R., Felici. Allenatore: Di Napoli.

Pubblicità

Arbitro: Perri di Roma 1

Marcatori: 45’ + 1’’ Ghion (C), 70’ rig. Iemmello (C), 83’ Scognamiglio (C).

Note: 4.500 spettatori. Ammoniti Bombagi (C), Iemmello (C), Salvemini (G), De Rosa (G), Rizzo (G); angoli 3-1; recupero 2’pt; 4’ st.

Catanzaro – Il Giugliano di mister Di Napoli, nonostante una buona prestazione, esce sconfitto dal “Ceravolo” di Catanzaro. I padroni di casa si impongono con un netto 3-0 ma ci impiegano un tempo intero per bucare la difesa gialloblu. Risultato, sicuramente, eccessivo per i tigrotti che hanno disputato una buona prestazione e in alcune occasioni hanno messo in difficoltà la capolista con ripartenze pericolose.

Vivarini schiera Il Catanzaro con il solito 3-5-2 mentre Di Napoli cambia assetto tattico e propone, per la prima volta, un 4-3-3 mascherato. Le prime occasioni del match sono di marca gialloblu. E’ il 9’ quando Martinelli perde una palla ma Salvemini in area di rigore non trova lo spazio per piazzare il suo destro che viene murato dai difensori giallorossi. Un minuto dopo un cross di Gladstony è troppo alto per Kyeremateng appostato sul secondo palo. La risposta del Catanzaro arriva al 12’ con Vandeputte che con un tiro a giro colpisce il palo. Poi la gara procede senza grossi sussulti fino ai minuti regolamentari. Poi al 46’, nel primo dei due minuti di recupero, arriva il vantaggio dei calabresi. C’è un’azione personale di Ghion che dopo aver superato un paia di avversari entra in area e lascia partire un tiro che si insacca sul secondo palo di Sassi. Si va al riposo sul parziale di 1-0 in favore della capolista.

Il secondo tempo si vede un Giugliano più propositivo e alla ricerca del pareggio. Al 50’ un colpo di testa di Biasiol esce di poco a lato. Al 64’ occasione ghiotta di Nocciolini per riequilibrare il risultato, ma il pallonetto dell’attaccante gialloblu non è sufficientemente alto per sorprendere Fulignati. Al 69’ ci prova dal limite dell’area Salvemini ma Cinelli e Scognamillo gli murano la conclusione. Nel momento migliore del Giugliano arriva il raddoppio del Catanzaro. E’ il 70’ quando Vandeputte, dopo una lunga fuga sulla fascia destra, serve un invitante pallone al bomber Iemmello; Biasiol nel tentativo di anticiparlo lo atterra. L’arbitro senza esitare decreta il rigore. Sul dischetto si porta lo stesso Iemmello che trafigge Sassi con un angolato rasoterra che il portierino gialloblu intuisce ma che non riesce ad arrivarci. Il Giugliano accusa il colpo e non riesce a reagire. Passano tredici minuti e i padroni di casa portano a tre le reti di vantaggio: è Scognamiglio a scriversi a referto, con un tiro a mezz’altezza che supera Sassi. Al 85’ Cianci spreca il 4-0 mentre due minuti dopo Ghisolfi non riesce a segnare il gol della bandiera. Nei restanti minuti la squadra di Vivarini gestisce comodamente il triplo vantaggio. Il Giugliano, pur non sfigurando, torna a casa a mani vuote, restando a quota 23 in classifica. Il Catanzaro consolida sempre di più il primato portandosi a quota 44 e andando a + 6 sulla seconda che è il Crotone.

Le interviste

Il tecnico giallorosso Vivarini, dopo la vittoria contro il Giugliano, ha dichiarato: “Devo ringraziare la squadra per il carattere dimostrato oggi. Abbiamo trovato un campo al limite che non si adattava con le nostre caratteristiche e un avversario che ha dato il massimo per tutti i novanta minuti. Ogni partita per noi deve essere una finale e siamo contenti per aver portato a casa questo risultato, ottenuto nonostante i tanti impegni ravvicinati. A Pescara c’è stato un importante dispendio di energia sia fisica che mentale e ciò ha inciso sulla nostra prestazione, ora ci riposeremo e già da domani penseremo alla prossima sfida”.

Mister Di Napoli è soddisfatto della prestazione dei suoi ragazzi ma ovviamente non del risultato. Ecco la sua dichiarazione a fine gara: “Devo fare i complimenti al Catanzaro perché è una squadra di un’altra categoria. Non sono contento del risultato, ma soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi. Abbiamo fatto una buona gara, abbiamo avuto l’opportunità di avere quattro palle gol ma non siamo riusciti a concretizzarle. Probabilmente non cambiava niente ma certamente avremmo limitato le certezze del Catanzaro. Abbiamo cercato di arginare le loro potenzialità e poi di metterli in difficoltà. Peccato per il gol preso sul finire del primo tempo. Nella ripresa, nel momento migliore della mia squadra, dopo che Salvemini aveva fallito una buona occasione. abbiamo preso il secondo gol, su una ripartenza di Vandeputte e finalizzata con il calcio di rigore su Iemmello. Qui probabilmente la gara è finita”.

 

.

Pubblicità

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

Pubblicità

Ultime Notizie

Vittima innocente di camorra, cancellato un ergastolo per l’omicidio di Antonio Landieri

La Corte di Cassazione (prima sezione penale) ha annullato la sentenza di condanna all'ergastolo - limitatamente alla aggravante della...

Nella stessa categoria