La spiaggia di Licola è di nuovo una pattumiera, le foto della vergogna

La spiaggia di Licola diventa una pattumiera

Con la fase 2 ripartono le attività umana e riproduttive così come riprende in maniera forte l’inquinamento del mare e delle spiagge a Licol. Arrivano da Licola delle immagini sulla ripresa dell’inquinamento, che fanno un quadro raccapricciante della spiaggia libera. Rifiuti riportati dal mare e dai canali, materiale edile scaricato, pneumatici, fusti, plastiche varie ed immondizia di ogni sorta, ovvero una vera e propria discarica a cielo aperto.

La denuncia dei Verdi sul degrado a Licola

“Ci ritroviamo a denunciare le condizioni disastrose in cui versa l’ennesima la spiaggia di Licola, è questo fa davvero tanta rabbia. Le spiagge ed il mare dovrebbero essere considerati un bene prezioso a disposizione di chiunque. Per questo dovrebbero essere tutelati e salvaguardati ed invece vengono utilizzati come discariche. Ci troviamo di fronte ad un’altra potenziale bomba ecologica pronta ad esplodere a Licola. Bisogna intervenire urgentemente affinché ciò non accada. Abbiamo inviato una segnalazione alle autorità competenti, richiediamo interventi di bonifica urgenti. Stiamo portando avanti una estenuante battaglia contro l’inquinamento e i criminali che avvelenano la nostra terra ma senza la collaborazione di tutti i cittadini e senza un netto cambio di mentalità questa battaglia non potrà essere vinta” – sono state le parole dei Verdi.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook

Arrivano da Licola delle immagini sulla ripresa dell’inquinamento, che fanno un quadro raccapricciante della spiaggia liberaArrivano da Licola delle immagini sulla ripresa dell’inquinamento, che fanno un quadro raccapricciante della spiaggia liberaArrivano da Licola delle immagini sulla ripresa dell’inquinamento, che fanno un quadro raccapricciante della spiaggia liberaArrivano da Licola delle immagini sulla ripresa dell’inquinamento, che fanno un quadro raccapricciante della spiaggia libera