L’avvocato partenopeo porta Ilaria D’Amico e Sky in tribunale: “Ha offeso i napoletani”

Durante il prepartita di Ajax-Juventus, andato in onda ieri sera su Sky, la conduttrice Ilaria D’Amico si è lasciata sfuggire una battuta poco felice sul popolo napoletano, affermando: “Hanno sparato i fuochi per disturbare i calciatori ieri notte, un po’ in stile partenopeo, un p’ tricche e ballacche”.

In merito, è intervenuto l’avvocato Angelo Pisani che ha annunciato: “Anche la società Sky sarà chiamata in giudizio per rispondere delle richieste risarcitorie di utenti stanchi di pagare per vedersi offesi e disinformati. Le espressioni offensive della signora Ilaria D’Amico rivolte ai napoletani questa volta non passeranno in cavalleria”, dichiara l’avv. Angelo Pisani, incaricato dai numerosi tifosi per il rispetto e tutela dei loro diritti . “La signora Ilaria D’Amico in primis sarà querelata e citata in giudizio civile in solido con la sua azienda Sky dopo le numerose proteste di telespettatori che chiedono giustizia. Sarà chiamata in giudizio per l’accertamento delle responsabilità e per pagare i danni ai tifosi napoletani inspiegabilmente e gratuitamente offesi per eventi estranei alla loro condotta. Intanto la signora D’Amico farebbe bene a chieder subito scusa ai tifosi del Napoli visto che il suo lauto stipendio è pagato anche grazie agli abbonati napoletani. La presentatrice tv con la sua caduta di stile e le sue accuse illegittime e palesemente discriminatorie, pur di spostare l’attenzione del pubblico, prendendosi anche la responsabilità di fare disinformazione, di fatto si è auto accusata e denunciata da sola conquistandosi il suo degno posto accanto a soggetti come Giuseppe Cruciani e Giampiero Mughini, altri noti presentatori/opinionisti che dispensano gratuitamente odio e invidia contro Napoli nei loro show televisivi. 

La tifosa juventina Ilaria D’Amico con un intervento televisivo assurdo per chi dovrebbe rappresentare e promuovere tramite la tv i valori dello Sport, con offese gratuite e discriminazioni, ha denigrato e calunniato i tifosi del Napoli nel momento in cui avrebbe dovuto commentare quello che certa tifoseria juventina stava combinando in Olanda, andando allo stadio armati. La signora D’Amico è riuscita nel suo intento di far parlare d’altro alimentando falsa informazione. Per questo motivo la signora D’Amico sarà chiamata in giudizio civilmente e penalmente per le sue assurde e gratuite offese ai napoletani. Assiemiamo a lei, in solido, risponderà anche la sua azienda se non dovesse prendere immediatamente le distanze e porgere le scuse ai napoletani. E per far capire alla signora D’Amico e alla sua azienda che i tifosi del Napoli vanno rispettati al pari degli altri, intenteremo una class action contro Sky per chiedere il risarcimento dei danni. E inviteremo tutti a spegnere Sky, a chiudere l’abbonamento addebitando la chiusura dell’abbonamento alle reiterate offese e disinformazioni della Azienda Sky sui napoletani”.