napoli mercedes 386mila euro
La foto delle banconote sequestrate

Parte da Napoli con 380mila euro nascosti nel vano ‘segreto’ della Mercedes. Scoperta condotta nei giorni scorsi la Guardia di Finanza del Gruppo di Bassano del Grappa. I militari fermavano e controllavano B.G. a Pianezze nei giorni scorsi. Il 49enne, residente e originario di Napoli, viaggiava a bordo di una Mercedes classe B con targa italiana.

Inizialmente i Finanzieri vagliavano la sua necessità di spostarsi sul territorio nazionale alla luce delle disposizioni limitative imposte dal covid. I crescenti segni di nervosismo dell’autista per le proprie autodichiarazioni, apparse contraddittorie nell’immediatezza dei fatti, inducevano i Finanzieri a sottoporre ad un più accurato controllo il conducente e la propria autovettura.

SCOPERTO IL REDDITO BASSO

Al termine dei preliminari accertamenti, effettuati anche a mezzo delle banche dati a disposizione del Corpo, emergeva che l’ultima dichiarazione dei redditi presentata dal napoletano risaliva al 2013. In quella circostanza dichiarò redditi pari ad 6.500 euro circa.

IL VANO SEGRETO

Dunque la successiva attività di perquisizione del veicolo consentiva di scoprire un doppiofondo meccanizzato, artatamente ed artificiosamente creato al di sotto del sedile posteriore. Dunque era azionabile elettronicamente con un congegno elettronico/meccanico. All’interno del vano, ben occultato e non visibile dall’interno e dall’esterno dell’autovettura, le Fiamme Gialle scoprivano 368mila euro. Somma distribuita in tre buste di plastica e suddivise in banconote di diverso taglio.

Il conducente forniva le indicazioni sulla provenienza e la destinazione del denaro. Le modalità di occultamento della somma e i redditi dichiarati dal cittadino di origine campane non giustificavano la disponibilità dell’ingente somma di denaro. Quindi il 49enne veniva denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza, B.G. per il reato di ricettazione. Sequestrato il denaro scoperto nella Mercedes– classe B e il congegno elettronico meccanico che permette l’apertura del doppiofondo.

SEQUESTRATE I 368MILA EURO E LA MERCEDES

Il Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Vicenza, a seguito della richiesta di convalida formulata dal competente Pubblico Ministero della Procura della Repubblica berica, emetteva un decreto di sequestro preventivo. Finiti sotto chiave il denaro contante, dell’autovettura Mercedes classe B, utilizzata per l’occultamento della somma sequestrata e del congegno elettronico/meccanico che permette l’apertura del doppiofondo. Le indagini continuano per la provenienza e la destinazione dell’ingente somma di denaro sequestrata. Nonché all’origine della stessa in relazione a sottese operazioni di transazione.

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.