De Luca vince la lotta con DeMa sulla Movida: baretti chiusi all’una di notte

movida napoli de luca de magistris
Lo scontro tra De Luca e De Magistris sull'orario delle Movida

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania ha bocciato l’ordinanza sulla movida varata dal sindaco Luigi De Magistris. Il primo cittadino di Napoli provò ad allungare gli orari d’apertura dei locali notturni fino alle ore 3:30 nel weekend. I giudici hanno accolto il ricorso della Regione Campania cancellando l’ordinanza sindacale numero 29.  Rimarranno in vigore le prescrizioni del Governatore Vincenzo De Luca.

LA DECISIONE DEL TAR SULLA MOVIDA

Il TAR ha ritenuto che sussiste il caso di eccezionale gravità e urgenza, tale da non consentire neppure la previa notificazione del ricorso e la domanda di misure cautelari provvisorie con decreto presidenziale” sotto il duplice profilo. Dell’aggravamento del rischio sanitario anche in ambito ultracomunale, atteso il prevedibile afflusso dai comuni limitrofi, se non da tutta la provincia, sul territorio del comune Napoli in ragione dei più ampi orari previsti dall’ordinanza sindacale e delle eventuali attività ludiche dalla stessa consentite.
Della situazione di incertezza derivante dalla concorrenza di due discipline differenziate e contrastanti tali da ingenerare oggettivi dubbi sulla liceità dei comportamenti da tenere, da parte degli operatori economici e degli avventori, e conseguenti criticità nello svolgimento delle attività di verifica e controllo da parte degli operatori a ciò deputati, con potenziali rischi di ordine pubblico.

LE REGOLE DI DE LUCA

Divieto di vendita con asporto di bevande alcoliche, di qualsiasi gradazione, dopo le ore 22. Prescrizione imposta a bar, chioschi, pizzerie, ristoranti, pub, vinerie, supermercati durante i giorni della movida e non. E i distributori automatici. Dunque dalle ore 22 alle ore 6 non si potranno consumare bevande alcoliche nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ville e i parchi comunali.

IL COMMENTO DI DE MAGISTRIS

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook