Capodanno di sangue a Napoli. Un morto e un ferito che chiudono un anno tragico. Intorno all’una e un quarto della scorsa notte circa due persone sono state trasportate al pronto soccorso dell’ospedale Vecchio Pellegrini. Entrambe riportavano ferite da colpi d’arma da fuoco Uno di questi, Ciro Caiafa (40enne padre di Luigi, ucciso qualche mese fa in Via Duomo) è morto per le ferite riportate.

L’omicidio a Napoli

Il giovane ferito si chiama Gennaro Di Martino, classe ’92, residente nella zona di San Lorenzo. Secondo alcuni riscontri si tratterebbe di un tatuatore incensurato che stava facendo un tatuaggio a Ciro Caiafa (di notte, perché è vietato), quando il killer (o i killer) avrebbe spalancato la porta del basso di Caiafa e ha sparato. Dunque il tatuatore non verserebbe in gravi condizioni, è stato già dismesso con 10 giorni di prognosi.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.