7.3 C
Napoli
lunedì, Gennaio 24, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

“No Vax tassati, sono un costo per la società”, fa discutere la decisione del Governo della provincia del Canada


Il Quebec, seconda provincia del Canada per popolazione, vuole chiedere un contributo sanitario agli adulti che si rifiutano di vaccinarsi contro Covid-19. Il premier François Legault ha detto ai giornalisti che la proposta non si applicherà soltanto a coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici ma solo ai no vax.

Il 12% non sono vaccinati

Le persone non vaccinate, secondo i calcoli del governo federale, rappresentano un onere finanziario per gli altri.
Risulta non vaccinato ancora il 12% della popolazione, ma allo stesso tempo i non vaccinati rappresentano quasi la metà di tutti i casi ospedalieri.

Tassa di 100 dollari ai no-vax

Per questo la nuova tassa avrebbe un importo di cento dollari canadesi, pari a quasi ottanta dollari americani. Le province di tutto il Canada stanno affrontando un aumento esponenziale dei casi di Covid-19 che ha costretto decine di migliaia di persone all’isolamento e gravato sul settore sanitario.

“Unica solozione sono i vaccini”

La variante Omicron ha reso difficile l’adozione di misure restrittive per frenare la diffusione e gli esperti sanitari hanno sottolineato l’importanza di ricevere il booster. Il Quebec è stato uno dei più colpiti. Registra regolarmente il più alto numero giornaliero di casi di Coronavirus di tutte le province.
Il vaccino è la chiave per combattere il virus. Questo è il motivo per cui stiamo mettendo a punto un contributo sanitario per gli adulti che rifiutano di essere vaccinati per motivi non medici“, ha affermato Legault. Il quale ha anche ricordato che la provincia ha un 10% di No vax, che sono però il 50% dei ricoverati in terapia intensiva.

I vaccinati in Italia

Il 79,09% della popolazione ha completato il ciclo vaccinale primario. Il 3,83% è in attesa di seconda dose. Il 42,01% ha fatto la terza dose. Complessivamente – contando anche il monodose e i pre-infettati che hanno ricevuto una dose – è almeno parzialmente protetto l‘82,93% della popolazione italiana.
Considerando solo gli over 5, oggetto della campagna vaccinale, rispetto alla platea del governo la percentuale di almeno parzialmente protetti è del 85,22% mentre l’81,28% è vaccinato.
Considerando solo gli over 12, oggetto della campagna vaccinale, rispetto alla platea individuata dal Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 la percentuale di almeno parzialmente protetti è del 89,67% mentre l’86,58% è vaccinato.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Meteo a Napoli, il freddo aumenterà ancora: le previsioni per i prossimi giorni

Meteo a Napoli, le previsioni. Quella di oggi è una giornata in prevalenza soleggiata, ma da stamattina non mancano...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria