La foto di Via Consolare Campana, teatro della rapina
La foto di Via Consolare Campana, teatro della rapina

Due persone sono morte, in circostanze ancora da chiarire. in via Consolare Campana, tra Marano e Villaricca.

Un uomo è stato trovato morto vicino ad una piccola utilitaria che è finita contro un muro. Alla distanza di una ventina di metri un secondo cadavere di un uomo, che molto probabilmente è caduto da uno scooter di grossa cilindrata. Sul selciato sono stati trovati una pistola ed un orologio Rolex. I carabinieri sono cauti e non escludono alcuna ipotesi anche se sembra prevalente, al momento, l’ipotesi di una rapina finita tragicamente. Un’altra persona potrebbe essere fuggita.
Sul posto sono presenti i carabinieri della Compagnia di Marano, che stanno vagliando, come detto, tutte le ipotesi.

Le indagini

Un bilancio tragico di due morti in via Consolare Campana a seguito di una rapina finita male. I fatti sono avvenuti poco fa tra Qualiano, Marano e Villaricca. Una persona a bordo di una Smart avrebbe reagito a un tentativo di rapina del Rolex e avrebbe travolto due persone in sella ad un grosso scooter. Sul posto i carabinieri e la polizia municipale per i rilievi del caso. La dinamica è ancora molto incerta.

A terra i militari dell’Arma hanno rinvenuto l’orologio,  una pistola e ci sarebbero anche dei bossoli, il che farebbe presagire che sarebbero stati esplosi dei colpi di pistola.

Secondo le prime ricostruzioni, si tratterebbe di una rapina finita male. La vittima della rapina li avrebbe inseguiti e speronati, ma su questo ci sono accertamenti in corso da parte delle forze dell’ordine che hanno recintato con nastro rosso la zona.

Due morti in via Consolare Campana, la prima ipotesi: sono i rapinatori speronati dalla vittima del colpo

I due cadaveri non sono stati ancora identificati ma probabilmente si tratta delle due persone che hanno tentato la rapina.

A terra ci sono uno scooter T Max, una Smart incidentata dopo uno schianto contro il muro, un Rolex e una pistola. Lo scenario lascia supporre che si sia trattato di una rapina finita nel sangue ed è questa la pista sulla quale stanno lavorando i carabinieri intervenuti dopo la segnalazione della polizia municipale di Marano. L’arma quasi certamente sarebbe stata adoperata per mettere a segno il furto dell’orologio. A terra anche alcuni bossoli. I carabinieri stanno indagando per fare luce sull’accaduto. Si lavora all’identificazione dei due uomini deceduti e alla proprietà dei mezzi. Si cerca anche di capire se nella zona siano attivi sistemi di videosorveglianza e se ci siano testimoni.

Sul posto è arrivata la Scientifica

I militari dell’Arma stanno provando a ricostruire la dinamica di quanto avvenuto. Si tratta di una zona molto isolata,  di campagna, al confine tra i Comuni di Marano e Villaricca.

SE VUOI RESTARE SEMPRE AGGIORNATO VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.