19.8 C
Napoli
sabato, Maggio 18, 2024
PUBBLICITÀ

Stangata per Giuseppe Lo Russo, il boss dei capitoni di Miano torna al 41 bis

PUBBLICITÀ

È considerato l’ultimo ’irriducibile’ del clan. Quei Lo Russo che per trent’anni hanno fatto il bello e cattivo tempo negli affari criminali dell’area nord. Quest’oggi per lui è arrivata però una vera e propria stangata: Giuseppe Lo Russo torna al carcere duro. La decisione è stata presa dal Ministero della Giustizia che ha notificato il provvedimento al boss, provvedimento contro cui presenteranno sicuramente ricordo al tribunale di Sorveglianza di Roma i suoi legali, gli avvocati Domenico Dello Iacono e Antonio Abet. Lo Russo era stato arrestato lo scorso ottobre subito dopo aver scontato una lunghissima detenzione con l’accusa di omicidio. A bloccarlo prima dell’uscita dal carcere di Novara gli uomini della squadra mobile su indicazione dei pubblici ministeri Maria Sepe e Celeste Carrano. Lo Russo deve rispondere degli omicidi di Angelo De Caro e Giuseppe Bevilacqua, delitti avvenuti negli anni Novanta.

Le accuse contro Giuseppe Lo Russo

Riguardo il primo delitto hanno avuto un peso determinante le rivelazioni di Carlo Lo Russo, fratello di Giuseppe: “L’omicidio di De Caro Angelo fu commesso su richiesta dei Licciardi. Preciso meglio, all’epoca il clan Lo Russo era gestito da mio fratello Giuseppe che se non erro in quel periodo era agli arresti domiciliari dopo un lungo periodo di detenzione presso il carcere di Torino dove sono io ora. Mio fratello Giuseppe era solito stare sempre a casa sua a Miano nel Rione San Gaetano e aveva una casa li al piano terra e aveva fatto anche costruire un circoletto/associazione Madonna dell’Arco, dove eravamo soliti incontrarci noi Lo Russo”.

PUBBLICITÀ

“Un giorno, mentre eravamo li io e Giuseppe Lo Russo, mi sembra fossero anche Mario e Domenico, vennero Costantino Sarno, Luigi Esposito detto “Nacchella”, Gennaro Licciardi se non sbaglio anche Vincenzo e chiesero a mio fratello Giuseppe, io ero presente, di uccidere Antonio De Caro. Non è stata la prima volta che loro ci chiedevano una cortesia del genere ne era la prima volta che avremmo ammazzato su richiesta dei Licciardi. “Nacchella” se non sbaglio aveva ammazzato Antonio De Caro, e chiaramente ora i
Licciardi volevano che si ammazzasse anche Angelo, in quanto temevano una ritorsione come ho già detto. Nell’ambiente criminale si ragiona cosi, se ammazzi un membro della famiglia poi ammazzi anche gli altri”.

PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Buone ragioni per comprare un climatizzatore Daikin

Daikin è di certo uno dei brand più affidabili nel settore dei climatizzatori per uso residenziale. Parliamo, infatti, di...

Nella stessa categoria