“Togliamo l’inutile scorta a Saviano”, la promessa di Matteo Salvini allo scrittore napoletano

salvini saviano scorta

“Togliamo l’inutile scorta a Saviano”, la promessa di Matteo Salvini allo scrittore napoletano

Nell’agosto del 2017 imperversava la polemica sullo sbarco dei migranti. L’allora esponente della Lega Matteo Salvini entrò in polemica con Roberto Saviano. I due avevano un’opinione diametralmente opposta sull’accoglienza dei migranti. All’apice della polemica Salvini scrisse su Twitter: “Per Saviano sono razzista, ignorante, sgrammaticato…Se andiamo al governo, dopo aver bloccato l’invasione, gli leviamo l’inutile scorta”.

Immediata fu la risposta dello scrittore napoletano: “E’ imbarazzante il suo linguaggio, sgrammaticato, terrificante. Però a volte bisogna togliersi i guanti e dire che non se ne può più di questo politico improvvisato, che cerca con le affermazioni più banali di attirare la canaglia razzista, esattamente questo. Quando dice ‘aiutiamoli a casa loro’ cose vuol dire? Le Ong, per prima Msf, a casa loro li aiutano, in Africa, ci sono”. Il conferimento della protezione della scorta è decisa dal Ministero dell’Interno, dicastero oggi retto da Salvini.