Variante Delta l'Ema rassicura:
Variante Delta l'Ema rassicura: "due dosi del vaccino sono protettive..."

Cresce in questi giorni la preoccupazione della popolazione a causa delle notizie riguardanti il contagio della variante Delta. Infatti questa nuova forma sembra si stia diffondendo a macchia d’olio, anche se per il momento non ha fatto eccessive vittime (In Italia la diffusione della Delta è stimata al 16,8%). La popolazione a causa degli ultimi dati, in crescita, però inizia a dubitare dell’efficacia dei vaccini. E il terrore per un nuovo lockdown, allora, sembra farsi spazio nell’anima delle persone ormai allo stremo.

Parole di rassicurazione dell’Ema

A rassicurare le persone interviene l’Ema (Agenzia europea dei medicinali) confermando l’efficacia dei vaccini:  “Siamo al corrente delle preoccupazioni poste dalla variante Delta e dalle altre varianti ma al momento tutti i vaccini approvati nell’Unione europea sembrano efficaci nel proteggere i vaccinati da tutte le varianti virali in circolazioni in Europa” parla il capo dell’Ema Marco Calvieri. “Le prime evidenze scientifiche indicano che due dosi del vaccino sono protettive nei confronti della variante”, ha aggiunto. Dunque non bisogna tirarsi in dietro per le vaccinazioni, ansi c’è l’esigenza di velocizzare il completamento di entrambe le dosi. Molti paesi infatti rassicurati da queste parole, si sono messi già in movimento per anticipare il richiamo del vaccino.

L’Ema, però, non è nella posizione di dare una raccomandazione definitiva sull’uso di due vaccini diversi. Anche se studi preliminari condotti in Germania e Spagna indicano che non ci sono rischi per la sicurezza e che tale vaccinazione è comunque efficace.

Ripercussioni sulle vacanze?

Ma chi rischia di più? Chi ha fatto solo una dose è in pericolo? Per le vacanze ci saranno problemi?

La variante Delta oltre ad essere più contagiosa è anche meno recettibile dagli anticorpi. Per questo motivo è più pericolosa. Chi ha una sola dose di vaccino ha più rischi non solo di essere contagiato ma anche di riportare febbre alta. Per questo motivo bisogna concentrarsi sulle persone più deboli. Sono coloro che rientrano nella fascia di età dai 50 anni in su. Per le vacanze non ci sarà alcun pericolo a patto che si è protetti da entrambe le dosi di vaccino.

La variante Delta plus

Anche perché dalle ultime analisi effettuate sulla variante Delta si è riscontrata una modifica della suddetta; chiamata da virologi variante Delta plus. “La variante delta plus è una mutazione B.1.617.2.1 della variante indiana. Risulta il 60% più contagiosa della variante inglese e 45% più pericolosa della delta originale. Colpisce maggiormente le cellule polmonari. In Italia, secondo gli ultimi dati epidemiologici rappresenta il 13% dei casi positivi.” parla Nicola Taurozzi, Primario Emerito ex Docente dell’Università Statale di Milano. Dunque l’unico mezzo per difenderci è il vaccino.

Per questi motivi l’Italia stima di raggiungere l’immunità di gregge entro Settembre.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.