30.8 C
Napoli
sabato, Luglio 20, 2024
PUBBLICITÀ

Il mistero delle ragazzine scomparse e quella notte nel casolare trascorsa con 2 uomini

PUBBLICITÀ

Al momento, le certezze sono solo due: Merysol e Martina – le due ragazzine di 12 e 14 anni scomparse per un giorno dalle loro abitazioni di Torre del Greco e ritrovate misteriosamente a Scampia – si sono allontanate volontariamente da casa e avevano già fissato un appuntamento a Napoli. Cosa, invece, sia successo dal momento in cui si sono chiuse le porte di casa alle spalle e l’abbraccio liberatorio con i genitori – in mezzo, il tam tam mediatico rimbalzato su Facebook dalle prime ore del mattino di domenica – resta un mistero. Perché il racconto fornito dalle due minorenni ai genitori – l’incontro casuale con due uomini e la successiva notte trascorsa in un casolare di Scampia – non convince del tutto gli agenti di polizia guidati dal primo dirigente Davide Della Cioppa. Così come al vaglio degli investigatori resta la fantomatica accoglienza – un uomo armato di pistola all’interno di un distributore di benzina – ricevuta dal padre di Merysol al momento del proprio arrivo a Scampia, prima di essere condotto nel casolare di via Napoli in cui avevano trovato “ospitalità” le due bambine. Insomma, una volta tirato un sospiro di sollievo per il ritrovamento delle due amiche per la pelle, proseguono le indagini per accertare eventuali responsabilità da parte di terzi per la notte di follia delle due minorenni. Intanto, Merysol e Martina sono state accompagnate in ospedale per procedere a tutti gli accertamenti necessari a verificare eventuali segni di violenza.


Segui InterNapoli.it anche su Facebook – Clicca mi piace per restare sempre informato

A breve le due ragazzine saranno ascoltate – in due diversi momenti, alla presenza degli assistenti sociali – per provare a fare definitiva luce sulla notte di follia trascorsa a Napoli. Già ascoltato, invece, il padre di Merysol: l’uomo ha ripetuto agli investigatori di essere stato avvicinato da un malvivente armato di pistola prima di essere “scortato” in via Napoli. Una versione che potrebbe essere confermata o smentita dalle immagini registrate dall’impianto di videosorveglianza del distributore di benzina, così come utili si potrebbero rivelare le telecamere che avrebbero – il condizionale è d’obbligo, considerati i vari coni d’ombra della storia – immortalato la colazione di domenica mattina tra le due ragazzine e due uomini tra i 30 anni e i 40 anni. Intanto, risolto anche il caso della terza ragazza scomparsa da venerdì e il cui mancato ritorno a casa era stato denunciato alla polizia solo domenica: la ragazza è stata rintracciata dagli agenti a Torre del Greco, non di-stante dalla propria abitazione. Per sfuggire ai controlli ha fornito false generalità ma è stata riconosciuta grazie alle foto in possesso delle forze dell’ordine.

PUBBLICITÀ

METROPOLIS

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

PUBBLICITÀ

Ultime Notizie

Conte non salta al coro anti-juve: “Non chiedetemi cose che non farò”. Il video virale

Il popolo del Napoli è stato più forte dell'acqua caduta copiosamente su Dimaro Folgarida. Ma, come si dice, "presentazione...

Nella stessa categoria

PUBBLICITÀ