Scoperto un capannone dove si fabbricava droga, cinque in manette: sono di Marano e Giugliano

Una scoperta sensazionale quella fatta dai carabinieri di Sessa Aurunca a Minturno: un intero capannone adibito all’essiccazione e alla lavorazione della droga pronta poi per essere immessa sul mercato. In manette cinque persone: arrestati Michele De Vivo (36 anni) residente a Sessa Aurunca, Giovanni Simeoli di 48 anni di Giugliano, Giovanni Amoruso di Marano, Adriano Siciliano di 37 anni di Marano e Emilio Mazzarella di Marano il più giovane del gruppo di soli 19 anni.

I cinque (tutti difesi dall’avvocato Luca Gili) sono stati rinchiusi nel carcere di Cassino. I carabinieri hanno inoltre sequestrato materiale per l’essiccazione della droga e 800 piantine di marijuana.