Assalto al negozio di telefonia, banda sgominata durante il raid: uno di loro percepiva il reddito

I carabinieri nella giornata di ieri hanno arrestato quattro persone. La banda dovrà rispondere  dei reati di tentata rapina a mano armata, ricettazione, porto abusivo di fucile semiautomatico cal. 12 a canne mozza con matricola abrasa, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni personali.

Si tratta di un 28enne, un 22enne (in atto sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria) e di un 33enne di Afragola (Na), nonché di un 17enne di Cardito (Na).

Il tentativo di rapina finito male

Giunti a bordo di un Fiat Fiorino rubato e armati di fucile a canne mozza e volto coperto con passamontagna erano pronti a fare irruzione all’interno del negozio di telefonia “la telefonia del centro”, ubicato alla via Lener 14 di Marcianise, quando sono stati bloccati dai carabinieri intervenuti a seguito di una segnalazione al 112 di un veicolo sospetto parcheggiato nei pressi di quel negozio.

Sequestrato anche un fucile

I militari dell’Arma li hanno sorpresi mentre erano ancora all’interno del furgonato. Costoro, però, alla vista dei militari hanno opposto resistenza e tentato la fuga a piedi. Inseguiti e bloccati, i carabinieri li hanno poi arrestati. A seguito di perquisizione personale e veicolare i carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato un fucile con canna mozza con colpo in canna caricato con due cartucce calibro 12 guanti. Trovati anche berretti e passamontagna. I militari hanno trasportato gli arrestati presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere (Ce) e presso il centro di prima accoglienza minorile  “Colle Aminei”  di Napoli. Tra loro anche un percettore del reddito di cittadinanza.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.