Macabra scoperta a Pozzuoli, trovato cadavere in un casolare abbandonato

cadavere nel napoletano

Il cadavere di una persona in decomposizione trovato in un casolare abbandonato nel napoletano. La macabra scoperta è avvenuta nella tarda serata di ieri nella zona collinare di Cigliano, a Pozzuoli. Sul posto, allertati da alcuni residenti, sono intervenuti gli agenti del commissariato di Polizia di Stato di Pozzuoli che stanno conducendo le indagini. Da una prima analisi si tratterebbe di un uomo in età avanzata di nazionalità italiana, A.A., residente della zona, sul cui corpo, dai primi rilievi, non rilevati segni di violenza. Disposto il trasferimento del corpo a medicina legale del II Policlinico di Napoli per gli esami autoptici e per datarne la morte. Sentiti già alcuni residenti e conoscenti della vittima dalla polizia per risalire agli ultimi giorni di vita.

Potrebbe interessarti anche

Tragedia nel napoletano, cadavere di donna morta in casa

Terribile scoperta ieri mattina in una casa di Lago Patria, nel territorio di Giugliano. Una donna di 50 anni trovata senza vita nell’abitazione di via Staffetta. Secondo quanto si apprende da Il Mattino, la donna era originaria della Repubblica Ceca e da qualche giorno era turbata a causa di alcuni episodi. Particolari che potrebbero chiarire le ragioni di un decesso su cui c’è ancora il riserbo dei Carabinieri giunti sul posto con i mezzi di soccorso del 118.

Secondo quanto si apprende, sul collo della 50enne sarebbero stati trovati segni che potrebbero ricondurre le cause ad un gesto volontario. Ma spetterà agli esami autoptici chiarire gli ultimi dubbi. In casa con la donna era presente il marito che è stato ascoltato dalle forze dell’ordine.

Indagini avviate sulla morte di una donna, avvenuta in via Staffetta a Giugliano (Napoli) nella zona di Lago Patria, da parte dei carabinieri e della Procura di Napoli Nord. Sono in corso accertamenti medico-legali ed investigazioni scientifiche per valutare alcuni segni riscontrati sul corpo della donna dai sanitari intervenuti in codice rosso e che farebbero ipotizzare uno strangolamento. Da quanto è stato possibile apprendere all’esame degli inquirenti è la posizione del marito della defunta.