11.3 C
Napoli
domenica, 24 Gennaio 2021
Pubblicità
Home Politica Campania zona arancione da domenica 6 dicembre: cosa cambia per spostamenti, bar,...

Campania zona arancione da domenica 6 dicembre: cosa cambia per spostamenti, bar, ristoranti e negozi

Da Domenica 6 dicembre Campania zona arancione
Da Domenica 6 dicembre Campania zona arancione
 Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, firmera‘ 3 nuove ordinanze sulla base dei dati della Cabina di Regia che si e’ tenuta oggi. Con la prima si rinnovano le misure restrittive vigenti relative alle Regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Lombardia e Piemonte.
Con la seconda le Regioni Campania, Toscana, Valle D’Aosta e la Provincia Autonoma di Bolzano passano da area rossa ad area arancione.
Con la terza le Regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Puglia e Umbria passano da area arancione ad area gialla. Le ordinanze saranno in vigore dal 6 dicembre.

Otto regioni verso il cambio colore

Cambia ancora colore la mappa dell’Italia: sono otto le regioni pronte ad entrare in una nuova fascia di rischio, in base all’indice Rt di contagio. Si tratta di Campania, Valle d’Aosta, Toscana, Emilia-Romagna, Friuli, Marche, Puglia e Umbria.  La Campania sarà zona arancione da domenica 6 dicembre: l’ordinanza che sancisce il ‘passaggio’ di colore dovrebbe essere firmata nelle prossime ore dal ministro della Salute Roberto Speranza. L’eventuale passaggio in zona gialla sarà oggetto di valutazioni nei successivi dieci giorni. Secondo il report dell’Istituto Superiore di Sanità e del ministero della Salute, sono tre le regioni giudicate a rischio ‘alto’: Puglia, Sardegna e Calabria (giudicata non valutabile e quindi equiparata alla fascia di rischio maggiore). Gran parte delle Regioni sono considerate a rischio moderato mentre Basilicata e Campania sono considerate a rischio basso.

Verso la zona arancione: le regole

Coprifuoco dalle 22 alle 5, salvo per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalle Regioni, salvo che per spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

Bar, ristoranti, locali, pub, gelaterie e pasticcerie chiusi sempre, ma potranno continuare a vendere cibo da asporto (fino alle 22) o consegnarlo a domicilio.

Centri commerciali chiusi nei giorni festivi e pre-festivi, ma rimarranno aperti negozi alimentari, farmacie, parafarmacie ed edicole collocati al loro interno.

Negozi chiusi, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali mercati chiusi, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari.

Didattica a distanza al 100% per tutti gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado e terza media. Capienza dei mezzi pubblici dimezzata (al 50%). Musei e mostre chiusi. Corner per giochi e bingo in bar e tabaccherie chiusi.

De Luca sulla zona rossa 

“Zona rossa solo propaganda, vietato andare nelle seconde case in Campania”, pugno duro del Governatore. L’intervento odierno di Vincenzo De Luca è stato molto atteso dai tanti cittadini campani, che attendono la decisione sul colore della Campania. Ieri il Governo ha confermato che ricorrerà alla divisione tra zona rossa, arancione e gialla. Infatti domenica si attende la nuova ordinanza del Ministro Roberto Speranza.

 

In questo momento è in corso la diretta Facebook del governatore: “La Campania uscirà dal Covid prima delle altre Regioni. Abbiamo raddoppiato le terapie intensive che ormai sono al 27% d’occupazione. Dalla prossima settimana riapriremo le attività chirurgiche e le prestazione dai privati. Siamo la Regione che combatte con meno risorse delle altre. Ci hanno mandato 10 anestetisti, 160 tra medici e infermieri. Siamo un’eccellenza perché abbiamo dati oggettivi, percentuali di mortalità covid e occupazioni delle terapie intensive tra le più basse d’Italia. Non c’è la fila al Cardarelli e al Cotugno. Nella seconda ondata nessuno è stato messo sui materassini a terra come al Nord, abbiamo retto meglio di tutte le altre Regioni. Non si sono aperti ricoveri nelle chiese e nelle palestre”.

IL GOVERNO E LA REGIONE

“Dobbiamo andare avanti oltre la logiche delle zone. A noi va bene la linea del rigore, più c’è ne, meglio è. La zona rossa è un’operazione propagandistica, è tutto aperto tranne i negozi calzature e abbigliamento. Era consentito spostarsi se il barbiere era in un altro Comune. Volevamo chiudere tutto ad ottobre. Oggi condivido le misure di rigore del Governo. Dalla limitazione degli spostamenti tra Regioni e Comuni. In Campania sarà vietato andare nelle secondo case. “, ha dichiarato De Luca.

CAMPANIA, LA SITUAZIONE DELLE ZONE

La Campania fino al 6 dicembre resterà zona rossa, così come sancito dall’ordinanza del 27 novembre. Il provvedimento venne firmato dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, e sarà valido fino a domenica prossima. Le indicazioni sul possibile cambio di colore sono riscontrabili nel testo del Dcpm del 3 dicembre.

E’ proprio l’articolo 14 del Decreto a stabilire le modalità del cambio di colore della zone regionali: “Le disposizioni del presente decreto si applicano dalla data del 4 dicembre 2020, in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 3 novembre 2020, e sono efficaci fino al 15 gennaio 2021, salvo quanto previsto al comma. Le disposizioni delle ordinanze del Ministro della salute 19, 20, 24 e 27 novembre 2020 continuano ad applicarsi fino alla data di adozione di una nuova ordinanza del predetto Ministro, e comunque non oltre il 6 dicembre 2020”.

CAMPANIA CAMBIA COLORE, VERSO LA ZONA GIALLA DA META’ DICEMBRE

Ieri sera Giuseppe Conte ha annunciato che a metà dicembre le regioni italiane potranno diventare zona gialla già a metà dicembre: “Ci saranno ancora le regioni gialle, arancione e rosse: meccanismo che ci fa adottare misure differenziate, senza inutili penalizzazioni. Portato l’Rt a 0,91. C’è un calo degli accessi ai pronti soccorsi e alle terapie intensive. In un paio di settimane tutte le regioni saranno gialle: stiamo evitando il lockdown che sarebbe stato penalizzante”. Domenica, probabilmente, la Campania potrebbe passare da zona rossa ad arancione, a seguito del calo dei contagi e secondo le indicazioni del Comitato Tecnico Scientifico.

 

PER RESTARE SEMPRE INFORMATO SULL’EMERGENZA CORONAVIRUS, VAI SU INTERNAPOLI.IT O VISITA LA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.