Campania zona arancione
Campania zona arancione

Domani la Cabina di Regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero alla Salute valuterà i passaggi di colore che però, in base alle prime stime, non dovrebbe registrare grandi cambiamenti, anzi: al momento solo la Campania potrebbe spostarsi dalla zona rossa a quella arancione.

Infatti, come spiega La Repubblica, tutte le altre regioni resteranno nello scenario in cui si trovano. Tuttavia, otto realtà locali però sono destinate a rimanere nella zona con più restrizioni almeno fino al 20 di aprile, cioè per altri 15 giorni a partire da lunedì prossimo.

I dati sui quali si baserà domani il monitoraggio della Cabina di regia dell’Istituto superiore di sanità e del ministero alla Salute valuteranno a partire dal fatto che i casi settimanali per 100mila abitanti saranno più di 250 (circostanza che colloca in uno scenario rosso) certamente in Valle d’Aosta, Piemonte, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Puglia, Lombardia e Toscana.

Pertanto la Campania anche domani, come venerdì scorso, avrà numeri da arancione, e quindi si sposterà in quel colore. L’unica a farlo nella settimana dopo Pasqua. Nessun altro dovrebbe migliorare e nemmeno peggiorare, visto che non risultano realtà con Rt in crescita. D’altronde l’epidemia in Italia sta leggermente rallentando, cosa che produce anche un calo dell’indice di replicazione.

Alla fine del monitoraggio, dunque, resterebbero in zona rossa Valle d’Aosta, Piemonte, Emilia-Romagna, Friuli, Puglia, Lombardia, Toscana, Marche, Veneto, Calabria e Provincia di Trento. In arancione tutte le altre.

Le parole di De Luca

C’è da dire, però, che nell’ordinanza emanata martedì, il governatore Vincenzo De Luca, sottolineava ancora i pericoli della diffusione del Covid, spinto dalle varianti. “I dati relativi alla settimana dal 15 al 21 marzo, aggiornati al 24 marzo, attestano, per la Regione Campania, un Rt pari a 1.05 (CI: 1-1.09) e un elevato tasso di occupazione di posti letto di terapia intensiva e area medica, che risultano rispettivamente del 29 per cento e del 38 per cento, con un trend in ulteriore aumento. E i dati di proiezione settimanale, elaborati dal ministero della salute-Istituto superiore sanità, prevedono per la Campania un Rt pari ad 1,31, con intervallo di confidenza (CI) tra 1,27 e 1,34, attestando un nuovo aumento della contagiosità sul territorio regionale”.

Ma la Campania, comunque, per due settimane ha avuto dati da zona arancione quindi domani la cabina di regia potrebbe sancire il passaggio di fascia. A Pasqua, come il resto di Italia, la Campania resterà in fascia rossa. De Luca ha anche vietato di raggiungere le seconde case durante le festività e “cancellato” la processione della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.