Capannone degli orrori in provincia di Napoli, salvati 13 cani: nei guai 58enne

cani

Cani in pessime condizioni. I carabinieri forestali della stazione di Marigliano, insieme a personale veterinario dell’ASL locale hanno ispezionato la proprietà di un 58enne di Mariglianella già noto alle Forze dell’Ordine.
All’interno di uno degli ambienti controllati i militari hanno trovato 13 cani di razze varie – shar pei, maltesi e meticci – in pessime condizioni igienico-sanitarie.
Il locale era coperto da tegole marsigliesi dalle quali penetrava l’acqua piovana.

Acqua che a causa del pavimento privo di pendenza stagnava e costringeva i cani ad essere sempre bagnati. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, le rare pulizie del locale avvenivano in presenza degli animali e questi venivano inevitabilmente bagnati; quelli di piccola taglia si inzuppavano anche del disinfettante utilizzato, rimanendo bagnati per ore.

Raramente rimossi anche gli escrementi che insozzavano l’intero ambiente.
Diversi i cuccioli trovati con evidenti problemi dermatologici a livello addominale e podale.
Sporche anche le ciotole utilizzate per la loro alimentazione e verosimilmente mai sostituite da anni. Il 58enne denunciato per maltrattamento di animali mentre questi ultimi affidati alle cure di volontari.

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.