Caso Suarez, le intercettazioni che ora fanno tremare la Juve: e la Figc apre un’inchiesta

Suarez Juve
Suarez Juve

Juve-Suarez: emergono nuovi dettagli dall’indagine intorno all’esame di italiano di Luis Suarez. Come riportato in esclusiva dal Corriere della Sera, ci sarebbero infatti alcune intercettazioni (intercettate dagli inquirenti) tra i legali della Juventus e il direttore dell’Università di Perugia. Tra queste, anche la promessa di Maria Turco, membro dello studio Chiappero, storico avvocato del club bianconero, di mandare all’ateneo altri stranieri che avessero bisogno di sostenere l’esame per ricevere il passaporto e diventare comunitari. Secondo quanto emerso, l’anticipo delle’esame di Luis Suarez sarebbe stata una richiesta dei legali della Juventus.

Cosa rischia la Juve? Al di là di eventuali responsabilità penali (ad oggi il club piemontese non risulta essere indagato), sul fronte sportivo i magistrati di Perugia hanno trasferito gli atti alla procura FIGC. Questa, come si apprende dall’Ansa, ha appena aperto un’inchiesta.

Juve, caso Suarez. Il legale della rettrice: «Esame di italiano regolare, senza favoritismi»

Caso Suarez. Il legale della rettrice dell’Università per stranieri di Perugia sostiene l’innocenza della sua assistita. «L’esame di italiano si è svolto regolarmente, senza alcun favoritismo».

David Brunelli, avvocato di Giuliana Grego Bolli, in un’intervista a La Stampa spiega che quanto rivelato dalle intercettazioni sarebbe frutto di un fraintendimento. «Quando viene detto che il calciatore doveva essere sul binario, il riferimento è al percorso formativo. Non ad una scorciatoia per essere istruito a rispondere a delle domande. La professoressa Grego ha tenuto a precisare che il binario era inteso come iter educativo, come corso di studio. In ambito accademico si usa quel termine per definire il corso di studio degli stranieri in base alla loro lingua. Devo ancora esaminare tutte le carte dell’inchiesta e ho avuto solo un rapido colloquio con la professoressa, ma quella frase non è stata capita».

Per seguire tutte le notizie collegati al nostro sito oppure vai sulla nostra pagina Facebook.