C’è posta per te, Maria De Filippi difende Flora dal figlio: «Lei un mostro? Mi fa pena»

La quinta puntata di C’è posta per te ha visto tra i protagonisti due giovani ragazzi: Giovanni De Pasquale e Luisana Simeoli. I due sono stati invitati nello studio di Maria De Filippi dalla madre di Giovanni, Flora, che nel 2015 in seguito ad una furiosa discussione ha cacciato suo figlio da casa.

Giovanni e Luisiana stanno insieme da ben 5 anni, ovvero da quando avevano 17 anni e fra due anni, probabilmente, si sposeranno. La loro storia d’amore sembra sia stata il motivo scatenante che ha incrinato il rapporto, già fin troppo altalenante, tra Giovanni e sua madre Flora. Il ragazzo, che aveva smesso di studiare all’età di 15 anni, aveva iniziato a lavorare in un mercato, fin quando l’incontro con quella che sarebbe diventata la sua fidanzata non l’ha convinto a cambiare la sua vita, lasciandosi alle spalle tutte le sue abitudini. Per far colpo su Luisiana e renderla felice, Giovanni decide di abbandonare il suo lavoro e cerca qualcosa che possa essere più redditizio e diventa un parcheggiatore abusivo. Ed è qui che nascono i problemi.

Il rapporto tra madre e figlio diventa sempre più ostico, tanto che i due, pur abitando nello stesso quartiere, si rivolgono a stento la parola, mentre Giovanni continua a frequentare le sue sorelle, lontano dalla sua vecchia casa. In studio il confronto è acceso: a parlare, però, in maniera dura è proprio Luisiana che definisce la suocera “un mostro”. Un comportamento che ha fatto infuriare la stessa Maria De Filippi che ha ritenuto inaccettabile che il ragazzo potesse far parlare la sua fidanzata in questi termini di sua madre.