9.3 C
Napoli
lunedì, Gennaio 17, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Combattere droga e bullismo in tempo reale, anche a Napoli arriva l’App che avvicina la Polizia al cittadino


La Polizia di Stato si avvicina al cittadino. Da oggi anche i napoletani potranno contattare in tempo reale gli agenti semplicemente con un’apposta App attraverso la quale sarà possibile segnalare episodi di criminalità. La grande novità è stata presentata stamattina presso la Questura di Napoli. L’App ha il nome di ‘You Pol’, è nata a novembre 2017 ed è già operativa nelle città di Roma, Milano e Catania L’applicazione ha già riscosso un notevole successo tra i cittadini. Dal mese di novembre 2017, infatti, sono stati effettuati circa 20.000 download da utenti Apple ed Android ed inviate quasi 300 segnalazioni alle sale operative delle Questure dove è entrata in funzione. “YOU POL” consente a giovani e adulti di interagire con la Polizia di Stato, offrendo la possibilità di segnalare episodi di bullismo o di spaccio di sostanze stupefacenti.

Ma come funziona? Sarà possibile inviare immagini o segnalazioni scritte direttamente alla sala operativa della Questura, anche se il segnalante si trova in una provincia diversa. Sarà permesso pertanto denunciare all’autorità di polizia fatti di cui si è testimoni diretti (anche mediante foto o immagini acquisite sul proprio dispositivo) ovvero notizie apprese in forma mediata (link, pagine web, ricezione messaggi, informazioni orali etc.).

Le caratteristiche E’ garantita inoltre la “georeferenziazione” (localizzazione esatta) immediata del dispositivo segnalante e del luogo interessato dall’evento (anche se distanti tra loro). Una delle opzioni utilizzabili dagli utenti di “YOU POL” consente di effettuare una chiamata di emergenza (attraverso il pulsante di colore rosso con la scritta “chiamata di emergenza”) alla sala operativa (113 o 112 NUE qualora presente) ubicata nella provincia in cui si trova l’utente.

Dove si scarica? L’APP è scaricabile su tutti gli smartphone e tablet accedendo alle piattaforme di Apple Store, per i sistemi operativi IOS, e Play Store, per i sistemi operativi Android.

“È uno strumento tecnologico e spetta a voi farlo vivere”, ha detto Marco Minniti (ministro dell’interno) agli studenti. “Voi siete l’Italia e il Paese, siete i cittadini di oggi e sarete quelli di domani. Non esiste una società libera quando a prevalere è la violenza. Abbiamo cercato di creare uno strumento facile e amichevole per cercare di coinvolgervi il più possibile”.

 

di Roberta Richiello

 

GUARDA IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Ucciso di botte dal patrigno, ipotesi riesumazione per il piccolo Giuseppe

Potrebbe essere riesumata e sottoposta ad altri esami la salma del piccolo Giuseppe Dorice. Il bimbo di sette anni...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria