De Luca Pfizer Moderna AstraZeneca
Un chiarimento riguardo alla somministrazione di AstraZeneca e J&J

Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, pone fine al caos informativo venutosi a creare sulle dosi di vaccino riguardanti AstraZeneca e Johnson & Johnson. De Luca ha avuto anche un ‘botta e risposta’ con il Ministero della Salute. Chiedeva chiarimenti riguardo alla somministrazione di una seconda dose diversa dalla prima. Infatti, De Luca a riguardo dichiara: “Ai nuovi vaccinati non sarà somministrato Astrazeneca al di sotto dei 60 anni, rispetto al vaccino Johnson & Johnson la posizione del Ministero non è definita in modo chiaro e vincolante. Pertanto tale vaccino non sarà somministrato sotto i 60 anni”.

La risposta del Ministero della Salute a De Luca sul mix di dosi

Il Ministero della Salute risponde De Luca e dichiara: ”I dati attualmente disponibili, provenienti da Spagna ed Inghilterra, forniscono informazioni rassicuranti in merito all’efficacia e alla sicurezza sul completamento del ciclo vaccinale, con un vaccino a mRNA, nei soggetti di età inferiore ai 60 anni che abbiano già effettuato una prima dose di vaccino Vaxzevria (ciclo vaccinale misto)”. Poi afferma: ”Da diverso tempo in Germania, Francia, Danimarca, Finlandia, Svezia, Canada e più recentemente in Spagna, si sta già utilizzando tale approccio. Dato rassicurante è proprio che ad oggi non sono emersi segnali di allarme di vaccino-vigilanza”. 

Le modalità della campagna vaccinale in Campania 

Prosegue la campagna vaccinale in Campania secondo le seguenti modalità: AstraZeneca ai nuovi vaccinati non sarà somministrato al di sotto dei 60 anni. Rispetto al vaccino J&J la posizione del Ministero è indefinita. Pertanto tale vaccino non sarà somministrato sotto i 60 anni. Per chi, invece, ha fatto la prima dose di AstraZeneca si dovrà somministrare la seconda dose di AstraZeneca solo sopra i 60 anni. Sotto i 60 anni si dovrà fare il richiamo solo con vaccini Pfizer o Moderna. Infatti la Campania di De Luca, dovendo vaccinare la popolazione più giovane d’Italia, richiede per l’ennesima volta, e sollecita, la fornitura aggiuntiva di vaccini Pfizer e Moderna, anche in relazione alla popolazione studentesca da vaccinare. Su questa base ci si dovrà impegnare a completare quanto prima possibile la campagna di vaccinazione e immunizzazione di tutta la nostra popolazione, anche a fronte del diffondersi di nuove varianti Covid.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.