Prima la discussione poi torna con i ‘rinforzi’, giovani massacrati di botte nel cuore di Napoli

napoli

“Aggrediti perché gay. In dieci si sono accaniti contro due ragazzi”. E’ accaduto a Napoli, in piazza Bellini, nel centro storico della città, secondo quanto riferisce Gay center.
“Nella serata di ieri, intorno alle 19 – secondo la denuncia di Fabrizio Marrazzo, portavoce dell’associazione e responsabile di Gay help line – due ragazzi sono stati prima insultati, mentre erano in via Mezzocannone, Napoli, da un uomo in compagnia della moglie e, successivamente, aggrediti da quest’uomo in compagnia di altre 9 persone che pronunciavano offese e frasi omofobe. I ragazzi hanno riportato contusioni e ferite”. “Quanto accaduto – afferma Marrazzo – dimostra quanto siano duri i contesti che da tempo denunciamo con il nostro numero verde Gay Help Line 800 713 713”.

“Serve una legge seria contro l’omotransfobia – sottolinea – che prevenga situazioni di questi tipo e che senza dubbi condanni le dichiarazioni che vedono l’omosessualità come una malattia”.
“L’emendamento ‘Salva Opinioni Omofobe’, voluto da Costa, ex di Forza Italia, e approvato dalla maggioranza, renderebbe queste espressioni lecite. Espressioni e pregiudizi per i quali avvengono queste aggressioni”.
“Questo emendamento va cambiato e vanno resi certi i supporti per i centri di assistenza alle vittime, da noi richiesti e previsti dalla proposta di legge contro l’omotransfobia – conclude – che possono aiutare le vittime, fondi che ora la commissione bilancio sembra che li voglia ulteriormente limitare”. (ANSA).

Prima la discussione poi torna con i ‘rinforzi’, massacrati di botte nel cuore di Napoli

Seguici Sui Nostri Canali Social

Rimani Aggiornato Sulle Notizie Di Oggi