“Essere napoletano è meraviglioso”, Salvatore Esposito risponde ai cori razzisti dei tifosi doriani

Ancora cori razzisti contro Napoli. L’ultimo episodio, l’ennesimo, arriva ancora una volta dal Marassi di Genova. Durante il match di campionato tra Sampdoria e Napoli infatti, i tifosi blucerchiati si sono lasciati andare a cori di “discriminazione territoriale” contro i partenopei.

L’indignazione è corsa sul web dove, tra i tanti tifosi amareggiati, c’è anche Salvatore Esposito che, sul tuo account Instagram ha pubblicato la foto di uno striscione – sono affissi un po’ ovunque a Napoli – sul quale campeggia la scritta: “Essere napoletano è meraviglioso”. Se non bastasse solo la fotografia a rispondere agli insulti, Salvatore Esposito ha scritto anche un lungo post a corredo:

“Orgoglioso di essere napoletano, un popolo che nella scorsa settimana e ieri è stato vittima ancora una volta di cori e striscioni che inneggiano al Vesuvio, alla monnezza ed al colera. I napoletani sono il popolo che è sempre stato in prima fila per il sostegno alle popolazioni vittime di gravi disgrazie, anche recenti, un popolo aperto a tutti e ricco di cultura. Capisco che in un periodo storico come questo tutto ciò, per alcuni, non è una notizia, se ne fregano, ma noi siamo un popolo che orgogliosamente chiede e merita rispetto. Gli stadi, le strade, le istituzioni sono pieni di tanta brava gente e per fortuna di pochi cretini, gli stessi vili cretini che non avrebbero mai il coraggio di dire e fare determinate cose a casa nostra, pusillanimi che vengono in vacanza nella nostra magnifica terra e mangiano le nostre prelibatezze. Noi napoletani dobbiamo unirci ancora di più, dobbiamo continuare a dare vita e forza ai grandi talenti che abbiamo, dobbiamo proteggere e tutelare le nostre bellezze e la nostra cultura e dobbiamo continuare ad essere fieri di provenire da una terra come la nostra perché qualsiasi cosa dicano o facciamo io, oggi come allora, sono sempre più convinto che essere napoletano è meraviglioso”.