Giallo Pamela Prati: i figli adottivi sono un’invenzione? La polizia postale indaga e scopre la verità

Nelle ultime settimane nei salotti tv sta tenendo banco la vicenda del presunto finto fidanzato di Pamela Prati, Mark Caltagirone. Per Dagospia il suo matrimonio, in programma a breve, sarebbe solo una “farsa” finalizzata a ridarle popolarità.

La showgirl dopo aver annunciato le nozze per marzo, poi era arrivato un misterioso rinvio. Anche perché, stando a quanto riferito dal sito, il futuro marito addirittura potrebbe non esistere nemmeno.

Ma come stanno le cose? A sbottonarsi un po’ sulla vicenda ci ha pensato Simona Ventura ospite di Eleonora Daniele a ‘Storie Italiane’. La conduttrice – che dal 23 aprile sarà al timone di ‘The Voice of Italy’ – ha colto l’occasione per far sapere che non potrebbe essere più felice accanto al nuovo compagno Giovanni Terlizzi, poi ha svelato un retroscena sulle nozze dell’amica Pamela Prati. “Sono stata invitata, all’inizio mi ha chiesto di fare da testimone. Io però ho detto che non me la sentivo perché non sarei stata presente nella loro vita visti i miei impegni di lavoro”, tuttavia ha confermato che ci sarà.

I figli adottivi

Ora a tenere banco è la vicenda legata ai figli adottivi, Sebastian e Rebecca. La scorsa settimana a Live – Non è la d’Urso, Barbara ha confermato di aver ricevuto un video da parte di Sebastian Caltagirone in cui le faceva l’in bocca al lupo per l’imminente debutto del Grande Fratello, evidenziando come quel bambino esistesse davvero in carne ed ossa.

Poi come si legge sul sito bitchyf, anche la sorella di Sebastian, Rebecca, è avvolta dal mistero. Secondo quanto riportato da un’indagine di FanPage le foto usate per testimoniarne l’esistenza sarebbero state rubate da Facebook. Il profilo di un avvocato di Cagliari, che ha denunciato il fatto. Ecco cosa si legge sul portale.

“Pare inoltre che, nel corso delle ricerche effettuate dalla polizia postale dopo una serie di denunce, sia emerso che le immagini presenti, e poi rimosse, sul profilo Facebook di Rebecca Caltagirone. L’unico a essere ancora attivo mentre scriviamo questo articolo – appartengano in realtà a una bambina di 6 anni, figlia di un avvocato di Cagliari. Tali foto sarebbero state rubate e poi utilizzate per accreditare l’esistenza della seconda figlia affidata al sedicente Mark”.