La Rassegna Marzo Donna 2021 pone l’accento sugli strumenti utili a contrastare la Violenza di Genere e a difendere il Diritto alla Salute della donna considerato che la violenza ha sulla stessa inevitabili ricadute.
La Presidente dell’Associazione Culturale e di Volontariato di Donne “Spazio Aspasia” ODV di Giugliano in Campania Teresa Vitale afferma: “…L’umanità è costituita da due generi, quello maschile e quello femminile, per cui la visione di genere deve essere presente in ogni ambito…”.
Stamattina alle 11 il primo appuntamento della rassegna con la videoconferenza “Servizi in Rete…per Contrastare la Violenza di Genere” in diretta streaming.
Interverranno il Sindaco del Comune di Giugliano in Campania Nicola Pirozzi, il Consigliere delegato alle Pari Opportunità del Comune di Giugliano Salvatore D’Agostino, il Consigliere Regionale Giovanni Porcelli, il Direttore Sanitario dell’Ospedale “San Giuliano” di Giugliano dott. Nunzio Quinto, la Presidente dell’Associazione Culturale e di Volontariato di Donne “Spazio Aspasia” ODV Teresa Vitale.

Durante questo incontro, verrà ribadito che per contrastare il fenomeno della Violenza sulle donne sono indispensabili l’esistenza di un’interazione stabile ed efficace fra le Istituzioni, le Forze dell’Ordine, l’ASL e le Organizzazioni femminili, e la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra i soggetti anzidetti che realizzi la “Rete dei Servizi” nella quale diverse professionalità possano collaborare al fine di garantire la messa in sicurezza, l’assistenza sanitaria, psicologia, educativa e legale delle vittime di Violenza di Genere.
Si insisterà altresì nel richiedere all’ASL Napoli 2 Nord la costituzione dello “Sportello Rosa” presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale “San Giuliano” di Giugliano al fine di accogliere e prestare le cure necessarie alle vittime di Violenza di Genere con “percorso specifico, adeguato e diverso” da quello degli altri utenti, con personale sanitario femminile e psicologa con formazione ad hoc.

Ancora, si batterà sulla richiesta di costituzione della “Stanza Rosa” presso la sede del Commissariato di Polizia di Stato e la stazione del Comando dei Carabinieri di Giugliano, con personale femminile idoneo ad assicurare la dovuta riservatezza nonché ad infondere fiducia nelle vittime inducendole a sporgere querela.
Verrà richiamata nuovamente l’attenzione dell’Amministrazione Comunale di Giugliano sulla richiesta di potenziamento del Centro Antiviolenza “Donne in Contatto Telerosa” di Giugliano in Campania, istituito dall’Amministrazione Comunale nel 1997 quale 1° Centro in Campania, affidato alla gestione del volontariato femminile dell’Associazione “Spazio Aspasia” ODV.
Il Centro necessita dell’assegnazione di una sede autonoma che consentirebbe una migliore organizzazione nonché la programmazione e l’attuazione di attività di prevenzione e di contrasto alla Violenza di Genere, ad esempio percorsi di formazione sia per i docenti che per i genitori di figli di età compresa tra gli 0 e i 14 anni, con lo scopo di far loro conoscere per poi farli propri nuovi percorsi culturali e nuovi stili educativi attraverso i quali educare le bambine e i bambini, fin da piccoli, alla Differenza e Reciprocità di Genere.
“Bisogna investire risorse finanziarie sulla prevenzione” afferma la Presidente Teresa Vitale.
Occorre stipulare una Convenzione, come avviene già in altre parti d’Italia, che consenta di superare la precarietà determinata dall’approvazione annuale del progetto Telerosa garantendo dunque una maggiore stabilità e la possibilità di accedere a ulteriori fondi relativi ai Centri Antiviolenza.

Essenziale è altresì la realizzazione di una “Casa Rifugio” nel territorio di Giugliano, struttura protetta che fornisce alloggio sicuro e gratuito alle donne che subiscono violenza e ai loro figli con l’obiettivo di salvaguardarne l’incolumità fisica e psichica.
“Bisogna utilizzare nel miglior modo possibile le risorse finanziarie messe a disposizione, è un’opportunità da non perdere! Altrimenti si continuerà a restare sconvolti dinanzi ad un numero sempre più alto di femminicidi ma mancheranno le strutture adeguate per aiutare le vittime” continua la Presidente di “Spazio Aspasia”.

Inoltre, si chiederà al Consigliere Regionale Giovanni Porcelli di prodigarsi a livello regionale, in particolare per l’approvazione al più presto possibile della legge regionale inerente i requisiti per i Centri Antiviolenza e le Case Rifugio, ed affinchè si trovi il modo di garantire a tutte le donne vittime di Violenza di Genere prive di reddito, sole o con figli/e minorenni e/o maggiorenni, un sostegno economico in tempi brevi che consenta loro di andare avanti nelle more del processo contro il carnefice.

Finora sono stati attribuiti sussidi a pochissime donne ed in tempi troppo lunghi, addirittura dopo due o tre anni.
“Si deve cambiare modalità e garantire sussidi a tutte le donne senza reddito in tempi ragionevoli!” aggiunge Teresa Vitale.
Infine, si chiederà al Consigliere Porcelli di analizzare la proposta di legge di istituzione del Registro dei Centri Antiviolenza in Campania, proposta che verrà sottoposta alla Giunta, la prossima settimana, dalla Commissione Consiliare delle Politiche Sociali. E’ importante verificare che vengano tutelate le esperienze storiche dei Centri Antiviolenza come “Donne in Contatto Telerosa” di Giugliano in Campania.

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.