7.4 C
Napoli
martedì, Gennaio 25, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Giugliano, vittoria esterna contro il Lanusei per consolidare il primato. Mister Ferraro: “E’ stata una battaglia”


LANUSEI – GIUGLIANO 1 – 2

Lanusei: Benvenuti, Gualtieri (80’ Ciotoli), Lazazzera, Gemini, Raimo, Petruccelli (66’ Di Lollo), Meledandri (75’Carta), Macrì (75’ Marrazzo), Manca, Gaetani (60’ Masia), D’Alessandris. A disposizione: Palombo, Pischedda, Darboe, Tomety. Allenatore: Campolo.

GIUGLIANO: Baietti, Boccia, C.Poziello, Biasiol, Gentile, Fornito (54’ Abonckelet), Ceparano, Gladestony (92’ Poziello R.), Cerone (78’ Mazzei), Rizzo (64’ Abreu), Kyeremateng (67’ Scaringella). A disposizione: Costanzo, Caiazzo, Flores, Mekki. Allenatore: Ferraro.

Arbitro: Vingo di Pisa

Marcatori: 2’ Cerone(G), 17’ Macrì (L), 49’ rig. Cerone (G).

Note: Ammoniti: Lazazzera (L), Meledandri (L), Biasiol (G), Scaringella (G), Recupero: 0’ pt., 8’ st.

Lanusei – Con la vittoria (1-2) al “Lixius” ai danni di un coriaceo Lanusei, il Giugliano consolida il suo primato in classifica. La squadra gialloblu, con una doppietta di Cerone, continua a macinare vittorie.

Il Giugliano parte bene, sbloccando subito il risultato. Dopo appena due minuti la squadra gialloblu si porta in vantaggio grazie alla rete di Cerone. L’estroso centrocampista, dopo aver ricevuto un preciso assist dalle retrovie, lascia partire un tiro forte e preciso che si infila nell’angolino basso alla sinistra del portiere ogliastrino. Un gol immediato che sembrava di aver messo sui binari giusti la partita, invece l’undici locale dopo appena un quarto d’ora riequilibra il risultato. Il gol del pareggio arriva al 17’ sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Raimo al centro dell’area di rigore, dove il giovane Macrì si fa trovare pronto per trafiggere l’incolpevole Baietti. Al 24’ il Giugliano va vicino al raddoppio, ma la punizione di Cerone sfiora l’incrocio dei pali e si spegne sul fondo. Nei restanti minuti non si registrano azioni pericolose e le due squadre rientrano negli spogliatoi sul punteggio 1-1.

Al rientro in campo, il Giugliano passa nuovamente in vantaggio. Sono trascorsi quattro minuti quando l’attaccante Kyeremateng, in una delle sue solite scorribande, entra in area e al momento di calciare viene atterrato dal suo diretto avversario Gualtieri. L’arbitro, vicino all’azione, senza esitazioni indica subito il dischetto. S’incarica della massima punizione lo specialista Cerone che con un tiro preciso e angolato batte il portiere Benvenuti. Il Lanusei non ci sta ed incomincia a spingersi in avanti per agguantare il pareggio. Però l’occasione più ghiotta capita al Giugliano. Corre il 69’ quando il debuttante Abonckelet (è un ritorno il suo tra le fila giallobu), entrato da poco al posto di Fornito, a porta vuota spreca la più facile dell’occasioni. Passato il pericolo i padroni di casa si riportano nuovamente in avanti nella speranza di riagguantare il risultato. In due occasioni la difesa gialloblu trema ma rimane in piedi. All’83’ il Lanusei, che aveva usufruito delle cinque sostituzioni, rimane in dieci per l’infortunio capitato a Marrazzo che esce dal campo in barella per essere poi trasportato in ospedale. Dopo i tempi regolamentari, il direttore di gara assegna 8’ minuti di recupero durante i quali non succede più niente. Vittoria importante per il Giugliano, che approfittando della sconfitta interna dell’Aprilia e degli stop forzati (causa Covid) delle altre antagoniste allunga il passo e rimane saldamente al comando della classifica.

L’intervista

A fine gara il tecnico gialloblu Ferraro dichiara: “Oggi non era assolutamente facile venire su questo campo e vincere, abbiamo avuto due giorni per preparare la gara e siamo venuti a giocare in quella che è considerata la trasferta più lunga di tutta la Sardegna. C’era vento e pioggia, E’ stata una partita sofferta, non certo la nostra migliore prestazione. La squadra ha giocato con forza e carattere, complimenti ai ragazzi che sono straordinari. E’ stata una battaglia, abbiamo dimostrato che quando vogliamo qualcosa ce lo prendiamo anche con i denti. Questi sono tre punti che ci fanno fare un passo in avanti. Noi dobbiamo pensare a noi e al nostro percorso. Abbiamo fatto undici vittorie in tredici partite non è semplice e non è scontato, per niente. Inutile pensare troppo al futuro o ai risultati delle altre squadre. Io ci tengo a sottolineare che i momenti negativi ci possono essere per tutti e anche noi dovremo essere bravi, pronti ed equilibrati. Ripeto i ragazzi sono stati incredibili. Un plauso a quei tifosi che oggi in un giorno di festa sono venuti qui per starci accanto. E’ un orgoglio per noi renderli felici. Arriveremo a tarda notte a casa. Ci vorrà serenità nel preparare la sfida di domenica. I ragazzi domani faranno riposo perché è fondamentale anche questo per la testa e la tranquillità di tutti. Non c’è bisogno di forzare. Quella di oggi è la vittoria di tutti, di ogni singolo componente che lavora per questa società. Guardiamo avanti”.

 

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Stop alle Regioni a colori, resta solo la zona rossa: nuove regole su quarantena e Green pass

Il governo guidato da Mario Draghi potrebbe abolire la zona gialla e arancione per le Regioni, lasciando solo quella...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria