«Ho cantato gratis per ‘apparare’ i debiti», Tony Colombo ed i 3 milioni di euro per diventare famoso

«Per fare successo ho fatto 3 milioni di euro di debiti. È pazzesco pensarci. Ho dovuto fare debiti perché credevo in quello che facevo, nella mia arte. Quando sono arrivato a Napoli non avevo nulla; per avere successo e farsi pubblicità, ci volevano soldi. Ho chiesto soldi a persone sbagliate, così mi sono ritrovato all’interno di un vortice con brutta gente. Per ripagare questo debito ho cantato tre anni gratis ed ho fatto qualsiasi tipo di lavoro, anche non artistico. L’importante era campare. Una volta saldato quel debito, un giorno, venne una persona e mi disse: tutto bene, sei libero».

L’ospite della nona puntata di «Rivelo», in onda giovedì in prima serata su Real Time (Canale 31), è stato il cantante neomelodico Tony Colombo che,si è lasciato andare in una lunga intervista senza filtri in cui ha parlato di amore, ambizioni, famiglia e molto altro.

Il cantante siciliano inoltre ha raccontato di quando i genitori per far fare il primo disco al figlio dovettero vendere