Lite nel traffico a Giugliano poi gli spari:
Lite nel traffico a Giugliano poi gli spari: "E' stato lui a fare l'agguato"

I carabinieri della Sezione Operativa di Giugliano hanno arrestato Paolo Mauriello, 34enne del posto, in esecuzione di un provvedimento emesso dal GIP del tribunale di Napoli nord, su richiesta della Procura aversana.
Mauriello è ritenuto gravemente indiziato di lesioni gravissime, aggravate dall’uso delle armi e da detenzione e porto illegale di arma comune da sparo.

L’11 marzo scorso, per motivi di viabilità, avrebbe esploso contro un 19enne 6 colpi d’arma da fuoco, raggiungendolo alle gambe con 2 proiettili e causandogli danni permanenti.
Grazie alle testimonianze dei presenti, ad indagini di natura tecnica e tradizionale, i militari hanno riconosciuto Mauriello come presunto responsabile della violenta aggressione.
Il 34enne è ora in carcere, nel penitenziario di Poggioreale.

Chi è Paolo Mauriello

Paolo Mauriello fu arrestato per racket alle mense scolastiche. Gli arrestati erano ritenuti vicino, a vario titolo, sodali a due consorterie camorristiche: una facente capo al clan Mallardo e operante sulla zona costiera di Giugliano in Campania e l’altra, facente capo al clan De Rosa, operante sul territorio di Qualiano. Le indagini dei militari della Compagnia di Giugliano in Campania avevano avuto inizio dopo la denuncia del dirigente di una ditta distributrice di pasti ad alcuni plessi scolastici nella zona di Varcaturo e Lago Patria. Alcuni addetti alle consegne erano stati avvicinati da soggetti che con minacce esplicite avevano loro intimato di “mettersi a posto” o che altrimenti avrebbero incendiato i furgoni.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.