27.9 C
Napoli
lunedì, Agosto 8, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Omicidi al Don Guanella, si indaga sulle parentele con il pentito e il capo-piazza


In queste ore la Squadra Mobile di Napoli sta indagando sul duplice omicidio avvenuto nel pomeriggio all’interno del parco dei Colombi al Rione don Guanella. Le due vittime, il 45enne Pasquale Torre e il 35enne Giuseppe Di Napoli, sono state raggiunte da diversi colpi di arma da fuoco mentre erano a bordo di una Punto bianca. Pasquale era il fratello del collaboratore di giustizia di Mariano Torre,  entrambi nipoti di Anna Torre. La donna è la moglie di Peppe Lo Russo, quest’ultimo collaboratore di giustizia. Di Napoli era figlio di Carmine, noto capo-piazza del rione San Gaetano. Proprio queste parentele potrebbe tornare utili agli uomini della Mobile nell’ottica della ricostruzione del duplice oicidio.

LA RICOSTRUZIONE DEGLI OMICIDI AL DON GUANELLA

Torre è stato trovato riverso sul volante, mentre il cadavere di Di Napoli era fuori dall’auto, a terra. Probabilmente ha tentato di scappare ma è morto quasi subito. Sul posto sono giunti gli agenti della Polizia di Stato e i sanitari del 118. Secondo una prima ricostruzione ad entrare in azione nel Don Guanella sarebbero stati due o più sicari giunti sul posto in sella a più scooter, che avrebbero fatto fuoco con armi diverse. Gli investigatori, al momento, stanno battendo la pista dell’agguato di camorra nell’ambito dello scontro tra alcuni clan attivi nell’area a nord di Napoli.

I FERIMENTI DELLE SCORSE ORE

Già prima dell’agguato al Don Guanella sono stati riscontrati altre due fatti di sangue tra Napoli e la provincia. Nella tarda serata di ieri i Carabinieri della compagnia di Casoria sono intervenuti presso l’ospedale di Frattamaggiore per un uomo ferito con colpi d’arma da fuoco. Antonio Martino, 42enne di Cardito, sarebbe stato vittima di un tentativo di rapina nei pressi di un distributore di carburanti di Via Atellana, nel comune di Crispano, dove stava facendo rifornimento. Vista la sua reazione gli sarebbero stati sparati due colpi alla gamba sinistra. Medicato al pronto soccorso è stato dimesso senza prognosi.

ESPLOSO COLPO DI PISTOLA A NAPOLI

Inoltre nella tarda serata di ieri i Carabinieri della Compagnia Stella sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’Ospedale Pellegrini. Francesco Di Micco, 30enne di Caivano, si è presentato in ospedale con una ferita di arma da fuoco al polpaccio della gamba sinistra. Secondo una prima sommaria ricostruzione ancora al vaglio dei militari, il 30enne avrebbe reagito ad un tentativo di rapina nei dintorni di Piazza Carlo III. Sono stati 21 i giorni di prognosi prescritti. Indagini in corso per chiarire dinamica.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Marano in lacrime per Alessandro Cassaniti, addio allo storico commerciante

Grave lutto getta nello sconforto la città di Marano. Si è spento Alessandro Cassaniti, noto commerciante conosciuto e ben...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria