Patrizio ucciso dopo la lite a Napoli, arrestato l’aggressore

Fine dell'incubo per una famiglia di S. Antimo:
Fine dell'incubo per una famiglia di S. Antimo: "Carabinieri correte qui"

Una lite furiosa è degenerata nell’omicidio del 42enne Patrizio Falcone a Napoli. I carabinieri hanno arrestato il responsabile Mauro Saverio che ha accoltellato la vittima. Patrizio è stato trovato senza vita a Piscinola, quartiere a nord di Napoli. Si è rivelato vano il trasferimento all’ospedale Cardarelli. L’uomo colpito era già morto.

L’IPOTESI SULLE RAGIONI DELL’OMICIDIO

L’efferato omicidio è accaduto in via Nuova dietro la Vigna. Secondo la prima ricostruzione i due si sono affrontati per un’area adibita a terrazzo: testimoni ascoltati dai carabinieri hanno riferito che non vi era stata mai alcuna lite prima di questa mattina. Secondo la ricostruzione Saverio, impugnando un coltello, ha colpito Falcone mortalmente al petto. Saverio ha provato ad allontanarsi ma è stato identificato e bloccato poco dopo: la sua posizione è al vaglio della magistratura. Il corpo della vittima invece verrà sottoposto ad autopsia.