10.8 C
Napoli
sabato, Gennaio 22, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Particolari choc sulla morte di Astori: il calciatore è stato ucciso da una malattia?


La morte di Davide Astori ha lasciato un vuoto nel mondo del calcio. Ma anche un vuoto di risposte. Ci si è interrogati spesso sulle cause effettive del suo decesso. E l’autopsia ha fornito un risultato amaro nella sua verità. Un arresto cardiaco avvenuto durante il sonno, privo di evidenza macroscopica, verosimilmente su base bradiaritmica. Ma ciò che inquieta di più è la mancanza di anomalie rilevate dai consueti
controlli sanitari a cui sono sottoposti i calciatori. Di recente è comparsa un’altra teoria sulla morte di Astori. Riconducibile alla cosiddetta sindrome di Brugada. Ma cos’è e in cosa consiste esattamente questa sindrome?

La sindrome di Brugada è una malattia rara che colpisce in giovane età direttamente al cuore. Portando a una morte improvvisa, senza che prima sia possibile controllare eventuali anomalie. Di questa sindrome se n’è occupato l’Irccs Policlinico San Donato di Milano in uno
studio pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology. Si tratta della prima volta che viene spiegato questo disturbo, paragonabile a una sorta di cortocircuito.
La sindrome di Brugada può essere diagnosticata tramite un elettrocardiogramma o uno screening cardiologico, che spesso viene eseguito casualmente. Ciò significa che questo disturbo esiste in realtà sin dall’infanzia nei soggetti che potrebbero esserne colpito. E pone
le sue basi sulla superfiie epicardica del ventricolo destro, che aumenta il rischio di sviluppare e causare aritmie ventricolari. Tuttavia risulta alquanto complesso se non impossibile diagnosticarla ai fini di una prevenzione.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Doppia ricarica del Reddito di Cittadinanza a gennaio, in arrivo contributo e assegno

Alla luce della proroga dell'assegno unico temporaneo è stato confermato il doppio pagamento a gennaio sulla card del Reddito...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria