Ragazza massacrata di botte mentre beveva con il fidanzato: «Mi ha perforato il cervello»

L’ha picchiata fino a fratturarle il cranio. Megan McPartlin, 18enne di  Chorley, nel Lancashire, ha raccontato la terribile vicenda di cui lei stessa è stata vittima. La giovane è stata picchiata dal suo partner che le ha fracassato la scatola cranica e perforato il cervello.

Il nome dell’aggressore è Aaron Worthingorn, 23enne con cui stava festeggiando il capodanno in casa. Improvvisamente, lo stesso, ha perso la testa dopo aver bevuto e l’ha picchiata. Questo il suo racconto:  «Erano le 5 del mattino di Capodanno e stavamo bevendo. Mi ha colpito una volta e l’ho preso a calci. Mi ha colpito ancora e tutto è diventato nero». A dare l’allerta è stato il vicino di casa della coppia, allarmato dai rumori.

La 18enne ha riportato una frattura del cranio, con emorragia cerebrale. È stata sottoposta a un intervento di 5 ore per rimuovere tutti i frammenti ossei che i medici hanno sostituto con una barra di metallo. Ad oggi la vittima risente ancora i sintomi, come ad esempio vuoti di memoria e difficoltà a percepire il gusto dei cibi. Il fidanzato è stato condannato a 27 mesi di reclusione.