Overdose di vaccino, secondo caso in Toscana

Un caso di sovradosaggio di vaccino anti-Covid della Pfizer, con quattro dosi somministrate invece di una, si è verificato lunedì all’hub vaccinale del Modigliani Forum di Livorno. A ricevere il sovradosaggio, come spiegano dalla Asl, una donna 67enne: sarebbe in buone condizioni di salute. Un caso analogo si è verificato sempre in Toscana, a Massa, il 9 maggio: allora era stata una 23enne a ricevere 4 dosi di Pfizer.

“Overdose di vaccino”, c’è il secondo caso

A ricevere il sovradosaggio, come spiegano dalla Asl, una donna di 67 anni che adesso sarebbe in buone condizioni di salute.

La donna, spiega  l’azienda, “ha ricevuto 0,30 ml di vaccino Pfizer interamente, senza essere diluito. Una quantità pari a 4 dosi di vaccino”, dice Laura Brizzi, responsabile della Zona-Distretto livornese. Il fatto nel pomeriggio del 17 maggio. “La signora è stata subito presa in carico dalla struttura e dal referente medico e infermieristico, è stata tenuta in osservazione per un’ora e non ha avuto particolari malori. Ma tanto spavento, che ha determinato un pochino di ansia.

Abbiamo suggerito alla signora di fare degli accertamenti, se lo ritenesse opportuno, e di stare in osservazione e l’abbiamo fatta ricoverare comunque in pronto soccorso, dove è stata per il pomeriggio e nella notte. Attualmente si trova lì, in attesa dei risultati di alcuni accertamenti che sono stati fatti. Comunque sta bene”. L’Asl Toscana Nord Ovest ha aperto un’indagine interna. “Al momento quello che possiamo dire è che il vaccino non è stato diluito con la soluzione fisiologica. Le cause che hanno portato a questo evento sono ancora in corso di verifica”, aggiunge Cinzia Porrà, direttrice della Zona livornese. Che ha messo in chiaro come “chi somministra” il vaccino sia “la stessa persona che diluisce”.

La madre della 23enne di Massa: “Le gira la testa”

Intanto, in un’intervista al Corriere della Sera, la madre della 23enne che il 9 maggio a Massa ha ricevuto 4 dosi Pfizer invece di 1, afferma: “Purtroppo in questo momento Virginia non sta in piedi. Ha continui giramenti di testa, lividi alle gambe e il livello delle piastrine è basso. Ha dovuto anche rinunciare allo stage universitario per il quale era stata vaccinata. E anche sulla quantità di vaccino ricevuto non c’è chiarezza. Sul referto di mia figlia c’è scritto che le sono state inoculate in una sola volta sei dosi e non quattro come sostiene adesso l’ospedale senza però un documento ufficiale”.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.