31.1 C
Napoli
venerdì, Giugno 24, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Racket al centro scommesse:«Qua comando io», presi i nuovi ras del clan Lepre


Avrebbero preteso una tangente da 30mila euro al titolare di un centro scommesse. Con questa accusa alcuni giorni fa sono stati raggiunti da decreto di fermo, eseguito dalla squadra mobile di Napoli, le ‘nuove leve’ del clan Lepre. Si tratta del gruppo attivo nella zona del Cavone di piazza Dante, via Francesco Saverio Correra. Nel provvedimento firmato dal sostituto procuratore Urbano Mozzillo figurano Salvatore Cianciulli detto ‘Masaniello’ indicato come reggente del gruppo, Salvatore Festa ‘o kikk, Francesco Lepre (figlio di Ciro Lepre ‘o sceriff), Gianluca Testa ‘o fagian e Emanuele Testa. Provvedimento eseguito solo nei confronti di Salvatore Festa, Emanuele Testa e Francesco Lepre. Mancano all’appello Gianluca Testa ‘o fagian e lo stesso Cianciulli. La notizia è stata anticipata da Il Roma questa mattina.

Le minacce del reggente del clan Lepre

Nel decreto viene ricostruita la vessazione subita dal gestore del centro scommesse che il mese scorso fu avvicinato da Festa, Lepre ed Emanuele Festa e portato al cospetto di Gianluca Testa e dello scorso Cianciulli che avrebbe minacciato l’uomo con frasi del tipo:«Qua comando io, mi devi portare 30mila euro e ti do un quarto d’ora altrimenti sparo a te, tuo fratello e tuo nipote». Un calvario quello del commerciante iniziato nel 2018 con la ‘quota’ di 1.500 euro tre volte all’anno fino alla richiesta di 30mila euro qualche settimana fa. L’uomo si sarebbe rifiutato, sostenendo di non essere in grado di pagare una cifra simile e innescando l’indagine che ha poi portato al decreto di fermo. Lo stesso denunciante ha rivelato alle forze dell’ordine:«Dopo le minacce mi colpì con uno schiaffo in faccia e poi mi cacciò di casa in malo modo. Quando scesi da casa di Masaniello ero terrorizzato, ricordo che presi lo scooter e scappai in direzione di via Foria» Il provvedimento è arricchito dalle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia che si sono soffermati a lungo sulla figura dello stesso Cianciulli. Tra essi quelle inedite di Salvatore Giuliano ‘o russ che qualche mese fa ha deciso di rompere con il passato passando dalla parte dello Stato.

Le dichiarazioni di Salvatore Giuliano su Cianciulli

Nel verbale del 18 settembre 2021 ‘o russ ha raccontato ai magistrati:«Masaniello è il vero rappresentante della famiglia del Covone, poiché ogni decisione passa da bui. Si occupa di tutte le attività illecite del covone ed è l’interlocutore di tutti gli altri clan. Mi viene chiesto di riferire se sono a conoscenza di un contrasto tra il gruppo della Sanità e quello del Cavone che ha visto i due gruppi contrapporsi in reciproche aggressioni e scontri armati, fatto verificatosi a settembre del 2020. In proposito, cosi come ho riferito in precedenti verbali, ci sono stati almeno tre o quattro scontri tra i gruppi del Cavone e quello della Sanità. Ho svolto anche il ruolo di paciere tra i due gruppi. Come già detto, ricordo che ci fu uno scontro avvenuto a seguito del pestaggio da parte di quelli della Sanità di un nipote dei Lepre, un ragazzo giovanissimo che fu picchiato in via Salvator Rosa: contestualmente al pestaggio quelli della Sanità furono anche esplosi colpi di arma da fuoco poi vi fu la risposta dei Lepre in particolare da parte di Francesco Lepre figlio di ‘o sceriff e di (….) che spararono nella parte alta della Sanità verso Materdei».

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Vanno in vacanza per trovare i familiari, 3 sorelle morte in Guatemala dopo lo schianto con il minivan

Tre sorelle hanno perso la vita durante una vacanza. Natalie, Katherine e Tiffany, età compresa tra i 18 ed...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria