Spaccio nel Don Guanella, pusher dei giardinetti preso con soldi e droga

spaccio napoli

Napoli, spaccio nel Don Guanella: pusher dei giardinetti preso con soldi e droga. Stanotte gli agenti del Commissariato Scampia, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato in via Don Luigi Guanella. Nei pressi dei giardinetti, un uomo che, dopo aver prelevato qualcosa da un borsello occultato dietro un muretto, l’ha consegnata ad alcune persone in cambio di banconote.

I poliziotti l’hanno bloccato trovandolo in possesso di 9 involucri contenenti circa 10 grammi di marijuana e della somma di 100 euro.
Mario De Crescenzo, 38enne napoletano con precedenti di polizia, è stato arrestato per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

Inoltre potrebbe interessarti anche

Spaccio di droga tra Napoli e Caserta, 20 arresti all’alba: due clan coinvolti

Vasta operazione dei carabinieri questa mattina tra le province di Napoli e Caserta. Gli uomini dell’Arma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 20 persone su richiesta della Dda napoletana. Gli arrestati sono ritenuti, a vario titolo, responsabili di associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Infatti provvedimenti restrittivi (17 in carcere e 3 agli arresti domiciliari) costituiscono il risultato di un’attività investigativa, condotta attraverso un’ampia piattaforma tecnica e mirati servizi di osservazione a riscontro, coordinata dalla Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, avviata nel luglio 2017 e conclusasi nel giugno 2018, che ha consentito di individuare due sodalizi criminali, operanti nei comuni di San Nicola La Strada e San Marco Evangelista, dediti allo spaccio di hashish, cocaina e marijuana. In particolare è stato possibile riscontrare che Orefice Giuseppe, con il benestare del clan Belforte, era il promotore dell’associazione che operava su San Nicola La Strada provvedendo sia alla direzione sia all’organizzazione relativa all’approvvigionamento dello stupefacente. Al contempo si occupava di rifornire, a sua volta, Capuano Giovanni che gestiva la “piazza di spaccio” di San Marco Evangelista.

Seguici Sui Nostri Canali Social

Rimani Aggiornato Sulle Notizie Di Oggi