“È un pacco per suo figlio”, poi le porta via 2mila euro: arrestato dopo la truffa in provincia di Napoli.

Questa mattina i Carabinieri della Stazione di Piano di Sorrento hanno arrestato un 40enne di Napoli, gravemente indiziato di aver perpetrato, il 16 settembre 2020, una truffa aggravata ai danni di un’anziana signora di Piano di Sorrento.

La truffa

La vittima, secondo quanto emerso dalle investigazioni, era caduta nel raggiro attuato con il metodo del finto corriere, al quale, a fronte della consegna di un pacco apparentemente destinato al figlio, aveva corrisposto una somma di denaro in contanti ed oggetti preziosi per un valore complessivo di circa 2.000,00 euro.

Le indagini, svolte dai Carabinieri e coordinate da questa Procura della Repubblica, hanno consentito di pervenire alla identificazione dell’autore del reato. L’uomo destinatario della misura cautelare è stato accompagnato presso la Casa Circondariale di Napoli Poggioreale.

Truffa un’anziana e le porta via tutti i gioielli: finto corriere arrestato a Napoli [ARTICOLO 1/12/2020]

Aveva tentato una truffa al Vomero ai danni di un’anziana ma, almeno questa volta, gli è andata male. Erano da poco passate le 8 di questa mattina quando un 53enne pluripregiudicato della Sanità si è recato in zona Arenella. Arrivato lì ha bussato al citofono di una signora di 84 anni che vive da sola in un appartamento di via Pietro Castellino e, come riporta Il Mattino, ha simulato una consegna. Si trattava però della classica ed ennesima truffa rifilata da qualcuno ad un anziano.

La dinamica della truffa a Napoli

“Signora, apra: devo consegnare un pacco per suo nipote”, la più classica delle scuse con la quale il malvivente era riuscito addirittura a farsi consegnare tutti i gioielli da parte della vittima. Sulla sua strada però, purtroppo per lui, si sono imbattuti i carabinieri del Vomero. La pattuglia, insospettita dall’atteggiamento dell’uomo (se ne andava in giro con uno scooter e il classico cesto per le consegne di una nota azienda per delivery), lo ha fermato per un controllo mentre usciva dal palazzo, scoprendogli addosso la refurtiva.

Il truffatore ha provato a giustificarsi dicendo che si trovava lì per consegnare un computer, ma nel pacco c’era solamente una bilancia. Così poco dopo, contattando tutti i condomini, il quadro si è fatto più chiaro e per il 53enne sono scattate le manette.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.