Abbandonata all’addiaccio e avvolta in un sacchetto di plastica e parzialmente coperta di rifiuti. Sono queste le condizioni in cui, il 2 marzo, i soccorsi e la polizia hanno trovato in un pozzetto della fogna. Era arrivato lì  trascinato dai fluidi delle acque reflue il corpicino di una bimba neonata nel quartiere di Casa Verde, a nord di San Paolo, in Brasile. Sembra di vederli, questi quattro eroi per caso, i poliziotti Izidoro, Rafael, Vernini e Alessandro, che prendono una barra d’acciaio e, in preda all’incoscienza. Sollevano la lastra di cemento per guardare negli scarichi. La scena che è apparsa ai loro occhi, che hanno immortalato, ha qualcosa di commovente e raccapricciante allo stesso tempo: una bambina neonata di almeno 20 giorni.

Il comunicato sulla neonata

A dare l’allarme un passante di 24 anni, che si è reso conto che, da dentro un tombino, risuonava il pianto disperato di un bambino e ha subito allertato le autorità. La piccola è  ospedalizzata nell’ospedale Vila Nova Cachoerinha di San Paolo. Lo staff dell’ospedale ha chiamato la piccola Juliana in onore del poliziotto che ha partecipato al salvataggio: e la neonata è diventata già una piccola celebrità.

L’identità della neonata e la sua provenienza non sono chiarite. Le indagini sono in corso.  La polizia, evidenzia Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”,  fa appello a possibili testimoni e, soprattutto, alla madre che potrebbe anche lei necessitare di assistenza sanitaria. Il caso è registrato come tentativo di omicidio dalla polizia nel 13 ° distretto di polizia di Casa Verde. Il Sottosegretario di Stato alla Sanità ha dichiarato che la bambina si trova in condizioni stabili. Il video della piccola che viene lavata è condiviso sui social media

 

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.