Il livello di connivenza tra politica e criminalità si fa sempre più forte in Campania, dov’è all’ordine del giorno vedere comuni sciolti per infiltrazioni camorristiche. Due sfere che dovrebbero contrapporsi nettamente, politica e camorra, ma che nella gestione dei territori e degli affari vanno ormai fin troppo insieme.

Ieri il Consiglio dei Ministri ha decretato, per 18 mesi, lo scioglimento del Comune di Villaricca, affidandone la gestione ad una Commissione Straordinaria. Tale decisione scaturisce dalla relazione sull’Ente, guidato dalla Sindaca Rosaria Punzo (centrosinistra), redatta dalla Commissione d’Accesso.

Il commento dell’ex sindaco Punzo

Cosi il sindaco Punzo ha rilasciato una dichiarazione sui social commentando la decisione sullo scioglimento: “Una notizia che non avrei mai voluto dare e soprattutto che mi lascia l’amaro in bocca per diversi motivi. Il Consiglio dei Ministri ha deliberato il commissariamento del Comune di Villaricca per condizionamenti mafiosi. Sono molto dispiaciuta innanzitutto per la mia città, per la nostra città, che, a mio avviso, non merita un’etichetta del genere. Ho costruito la mia vita, i miei studi ed anche la mia carriera professionale e politica su valori e principi sani; sono una donna di legge e non cambio idea: le decisioni delle istituzioni vanno sempre rispettate. Anche quando non si condividono. E qualsiasi azione deciderò eventualmente di mettere in campo a tutela del buon nome della città ed a tutela della mia persona, partirà sempre dal rispetto nei confronti delle istituzioni.

Attenderò di leggere le motivazioni che hanno indotto il Consiglio dei Ministri ad assumere questa decisione prima di entrare nel merito delle singole questioni che saranno sollevate. Torno a casa con la coscienza a posto sapendo di aver dato tutto per questa comunità e di aver cercato sempre di operare nel rispetto della legalità e della tutela del bene comune”.

Prima il dissesto finanziario poi lo scioglimento per camorra: il fallimento totale della politica a Villaricca

Scioglimento comune Villaricca, senatore Ruotolo: “In ampie zone del territorio napoletano, la democrazia è sospesa. Occorre vero rinnovamento”

“A poche settimane dallo scioglimento per infiltrazioni della camorra del Consiglio comunale di Marano questa volta il Consiglio dei ministri ha adottato la stessa decisione per Villaricca. Un provvedimento che si aggiunge a quelli per i comuni di Arzano, Sant’Antimo e Orta di Atella dove già ci sono i commissari prefettizi. Senza dimenticare le commissione d’accesso a San Giuseppe Vesuviano e Castellammare di Stabia e gli accertamenti in corso su Torre del Greco e Torre Annunziata dove i fenomeni di corruzione e infiltrazioni hanno messo in discussione le giunte comunali. A questo quadro allarmante occorre tener presente i numerosi provvedimenti antimafia interdittivi nei confronti di ditte operanti in molti comuni della città metropolitana di Napoli nei settori del trasporto rifiuti, ristorazione, attività alberghiera, parcheggi, agenzie immobiliari, pubblici esercizi, centri estetici, produzione di carta, imballaggi e plastica, attività di ricevitoria e lavori edili. È uno spaccato che mostra come esista una contaminazione tra camorra, politica, settori della pubblica amministrazione e imprese nei comuni della provincia di Napoli che rappresenta una vera e propria emergenza nazionale. È un sistema di potere che priva a oltre 250 mila cittadini il diritto democratico di essere governati. Il commissariamento per un periodo fino a 18 mesi di un comune sciolto per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso non garantisce con le successive elezioni un naturale e profondo cambiamento. Un esempio è il caso di Arzano, al voto il prossimo ottobre, dove continuano le scorribande a colpi di ‘stesa’ dei clan e tentativi di condizionamento: il commissario prefettizio e il capo della polizia municipale sono stati oggetto di pesanti minacce di morte. Troppo radicati gli interessi e troppo deboli gli strumenti per contrastarli. La vera sfida è il  rinnovamento della politica e dello schierarsi perché o si sta contro le mafie o si è complici”. Lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.