UN NAPOLI IN ATTESA DI TEMPI MIGLIORI PAREGGIA IN CASA CONTRO IL BOLOGNA

Napoli -Bologna: 1 a 1

Per Edy Reja doveva essere la partita della svolta, così non è stato. L’1 a 1 in casa con il Bologna legittima la situazione di una squadra in piena crisi di risultati, due punti nelle ultime sei gare sono davvero pochi.
Al San Paolo il Napoli ritorna al 3-5-2; Navarro tra i pali, terzetto difensivo composto da Cannavaro, Rinaudo e Contini; a centrocampo senza Hamsik è il giorno dell’esordio di Jesus Datolo che agisce nella posizione solitamente occupata dallo slovacco, con Gargano e Pazienza al centro e Vitale e Maggio sugli esterni, in avanti il tandem Lavezzi-Denis.
Il Bologna di Sinisa Mihajlovic si presenta con un abbottonato 4-5-1 con il solo capocannoniere della serie A Marco Di Vaio in avanti.
Napoli pimpante in avvio, al 4’ proprio Datolo crossa dalla sinistra, sponda di Maggio di testa per Lavezzi, ma sulla conclusione a botta sicura del pocho Antonioli ci mette la faccia e respinge.
Al 20’ azzurri in vantaggio: Lavezzi verticalizza per Denis che tocca al centro per Maggio, che di piatto batte Antonioli. Tre minuti appena ed ecco il pareggio bolognese, orribile disimpegno della difesa azzurra sotto il pressing asfissiante degli ospiti: Contini appoggia malissimo per Rinaudo che di testa regala palla a Volpi- che va via con un netto fallo di mano- diagonale dell’ex blucerchiato, Navarro si fa sfuggire clamorosamente la presa, nè approfitta Di Vaio che scarica in rete. Il Napoli va in bambola, al 35’ la difesa azzurra rischia ancora su un lancio di Di Vaio per Valiani, Navarro esce a vuoto ma la palla sfila a lato. Al 45’ è Lavezzi a scuotere il Napoli, il pocho si libera e da fuori fa partire un destro a giro su cui è provvidenziale il tuffo di Antonioli. Finisce qui un primo tempo avvincente.
La partita è bella e sempre in bilico anche nella ripresa; il Bologna pressa a più non posso e mette in difficoltà il Napoli che non riesce a costruire un azione degna di nota. Al 10’ grande occasione per il Bologna, Di Vaio pescato in area svetta di testa, strepitoso il riflesso di Navarro che si salva in corner. Il Napoli risponde con Denis che di testa servito da Maggio trova prontissimo Antonioli. Al 24’ il San Paolo trema seriamente: Bombardini si destreggia in area, Cannavaro lo contrasta, ma l’esterno di Mihajlovic fa partire un tiro secco che sbatte sull’incrocio di Navarro.
Al 25’ Reja cambia tutto, passa ad una difesa a quattro, arretrando Maggio, e inserisce Russotto per Cannavaro fischiatissimo ma ingiustamente. Il San Paolo non perdona nulla!
Datolo tra le linee non crea scompiglio, il Napoli si getta in avanti con orgoglio ma non crea più nulla; per il Bologna è un punto d’oro in chiave salvezza, Napoli in attesa di tempi migliori.