16.4 C
Napoli
lunedì, Maggio 16, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

GIUGLIANO: INGORGO ASSASSINO, LE ACCUSE DEL 118


«Gli ingorghi sono il nostro pane quotidiano»: tutti d’accordo i lavoratori del servizio 118 di Giugliano che domenica hanno visto morire una ragazza di sedici anni, Monica Di Marino, senza essere riusciti a portarle soccorso a causa del caos che ha imprigionato le ambulanze nei pressi del centro commerciale Auchan, inaugurato il 30aprile. «Io sono padre di un ragazzo della stessa età di quella poverina e per me è stato uno choc non riuscire ad aiutarla – spiega Antonio Grieco, dirigente del servizio ambulanze organizzato dalla pubblica assistenza flegrea – in lontananza vedevamo anche i mezzi di soccorso provenienti da Marano, ma loro erano ancora più indietro di noi e nessuno riusciva ad arrivare sul luogo dell’incidente». Poi, una volta raggiunto il luogo dell’impatto, i sanitari hanno aperto con delle leve l’automobile semidistrutta: i vigili del fuoco, infatti, non erano ancora riusciti a giungere sul posto. Un dramma annunciato sul quale ora indagano la polstrada e la procura. Annunciato tanto che il responsabile del 118 dell’Asl 2, Dario Golia, già venerdì scorso, due giorni prima dell’incidente, aveva scritto al Comune di Qualiano, nel cui territorio si trova il centro commerciale, per segnalare i possibili problemi legati all’incremento del flusso di traffico in quella zona: «Dal personale delle ambulanze – spiega – mi era stato segnalato che l’apertura del centro commerciale aveva creato numerosi ingorghi lungo tutto l’asse mediano e la circumvallazione. In queste condizioni è ovvio che i tempi del soccorso si allungano. E noi non possiamo intervenire in nessun modo: inutile mandare più ambulanze o spostarle di posizione se poi restano prigioniere del caos». E questo, probabilmente, anche perché i lavori di raccordo con l’isola commerciale non sono ancora ultimati. «Le opere da svolgere nelle rotonde di Santa Maria a Cubito, sulla circumvallazione esterna e sulla bretella di immissione diretta sull’asse mediano sono state oggetto di una conferenza dei servizi tra le amministrazioni Giugliano e Qualiano e la Provincia – spiega il sindaco di Giugliano Francesco Taglialatela – e sono state tutte approvate. I lavori sono in fase di ultimazione». Intanto, però, il traffico resta e il pericolo incombe. «Concerteremo tra i due Comuni e gli organi di polizia una nuova organizzazione perché i flussi di traffico sono preoccupanti e creano problemi di sicurezza», sostiene Tagliatela. E a Giugliano tra una decina di giorni entrerà in carica il nuovo comandante dei vigili urbani, Michele Pezzullo: spetterà a lui concretizzare i nuovi interventi. E da Giugliano arriva anche una dichiarazione critica degli esponenti di Rifondazione comunista sull’organizzazione della Asl2. Sostengono Massimo De Siena, Giuseppe Aprea, Antonio Poziello e Paolo Abbate: «Il giudizio dei cittadini dei comuni più grandi del territorio, gestiti dall’Asl2, è oggi nettamente peggiorato. Siamo passati, anche per effetto della delibera taglia-spese dell’assessore Montemarano, da un’Asl che veniva positivamente citata per il buon operato in difesa del diritto alla salute, ad una gestione occhiuta e al contempo inefficace».


DANIELA DE CRESCENZO – IL MATTINO 14 GIUGNO 2006







OGGI I FUNERALI


GIUGLIANO. I funerali di Monica Di Marino si svolgeranno oggi pomeriggio, mercoledì 14 giugno, alle ore 15 presso la struttura dei Monaci di Giugliano.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Dramma a Napoli, lite tra gli scogli finisce a coltellate: gravissimi due giovani

Lite tra gli scogli finisce a coltellate nel primo pomeriggio di oggi a Napoli. Due giovani sono stati accoltellati...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria