22.1 C
Napoli
giovedì, Maggio 19, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

QUALIANO, SGOMINATA LA NUOVA «PIAZZA» DI DROGA


Il giorno 21 giugno 2006, alle ore 01:10, i militari della compagnia carabinieri di Giugliano, nel contesto di un predisposto servizio finalizzato alla repressione del traffico di sostanze stupefacenti in una nuova piazza di droga che – stando alle molteplici voci confidenziali ed alle numerose segnalazioni dei cittadini residenti – si stava formando in quel centro abitato, hanno tratto in arresto in flagranza di reato quattro giovani. Si tratta di: Rosario Verdicchio, 21 anni, originario di Villaricca, ritenuto fiancheggiatore del clan Pianese; Antonio Belardo, 21 anni, di Qualiano, l’unico incensurato; Edoardo Avella, 21 anni, di Villaricca; Raffaele Izzo, 26 anni, di Qualiano. I quattro sono accusati, a vario titolo, in concorso tra loro, del reato di detenzione ai fini spaccio di sostanze stupefacenti.



L’ATTIVITA’. Il gruppo di giovani, a seguito di prolungato servizio di appostamento, osservazione e pedinamento da parte dei militari in borghese, veniva sorpreso in Via Cicerone dedito a compiere una articolata attività di spaccio. Nel gruppo erano state assegnate mansioni di spaccio, mansioni di acquisizione delle somme di danaro versate dalla clientela (molti giovani di Qualiano, Giugliano e Villaricca, in corso di compiuta identificazione), mansioni di vigilanza alle operazioni di spaccio a bordo di motocicli e scooter. Le sentinelle erano pronte a dare l’allarme laddove qualcosa di anomalo fosse stato rilevato. Estremamente diffidente il loro atteggiamento, volto a filtrare gli acquirenti con domande mirate, sondandone l’atteggiamento e scrutandone i particolari, al fine di evitare di incappare in personale delle forze di polizia.



I PROVVEDIMENTI. A seguito di perquisizioni personali condotte contestualmente all’operazione, venivano rinvenute nella disponibilità dei suddetti sei grammi di marijuana confezionati in quattro dosi da 1,5 grammi l’uno, nonché 180 euro in contanti. La presenza nel gruppo degli spacciatori del verdicchio – già noto alle forze dell’ordine nonostante la giovane età per essere vicino al clan pianese – mostra un rinnovato interesse da parte di quell’ala camorristica per lo smercio di stupefacenti nell’area. Lo stesso Nicola Pianese, come già in precedenza reso noto dagli stessi media, ha da poco tempo fatto ritorno presso la propria abitazione in regime di sorveglianza speciale. Gli arrestati, dopo avere trascorso la prima parte della notte negli uffici del comando compagnia carabinieri di Giugliano per l’espletamento degli atti di rito, sono stati associati presso la casa circondariale di Poggioreale, a disposizione dell’autorità giudiziaria.




AGENZIE/COMUNICATI CC/INTERNAPOLI

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Napoli. Niente sussidi al reddito a chi non manda i figli a scuola ed ai parcheggiatori abusivi

La revoca delle indennità percepite dai genitori i cui figli risultino inadempienti agli obblighi scolastici è la misura di...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria