22.7 C
Napoli
lunedì, Maggio 16, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

CAVA, TAGLIALATELA GETTA LA SPUGNA: PIEGATI DALLO STRAPOTERE DI CATENACCI


La trasferta romana degli amministratori di Giugliano, Qualiano e Villaricca non è stata utile per bloccare l’attivazione della discarica in via Ripuaria, al confine tra i tre comuni dell’area a nord di Napoli, ma getta le basi per avviare una serie di attività, come il monitoraggio e lo studio del territorio, per la messa in sicurezza dei numerosi siti già esistenti ed arrivare alla dichiarazione di disastro ambientale sollecitata a gran voce dagli ambientalisti e dalle delibere votate dai Consigli comunali. Questo è l’unico impegno strappato ieri al ministro Pecoraro Scanio. “Lo strapotere del commissariato per l’emergenza rifiuti annulla di fatto qualsiasi intervento degli organi elettivi, degli enti locali come dei ministeri- dice il sindaco Taglialatela- Apprezziamo la sensibilità del ministro, ma siamo costretti a prendere atto della sua impotenza sulla questione rifiuti. Ciò che può disporre, e si è impegnato a farlo, è un’attività di programmazione di bonifica del nostro territorio stressato da molteplici fattori di inquinamento. All’incontro era presente anche il direttore generale del ministero, il quale verrà in zona per un sopralluogo entro la fine del mese proprio per avviare questo percorso . Resta il problema della scelta scellerata di attivare l’ennesima discarica nel Giuglianese, scelta alla quale noi amministratori, insieme con i cittadini, continueremo ad opporci con tutte le forme di protesta civili possibili” .
Continua il presidio all’ingresso della discarica, lungo via Ripuaria e all’altezza del Ponte di Surriente. I cittadini bloccano il transito dei camion diretti all’ex cava di pozzolana per diverse ore al giorno.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Paura in ospedale, bimbo di un anno in condizioni disperate: ipotesi maltrattamenti in famiglia

Un bambino di un anno è ricoverato all'ospedale di Perugia dopo essere giunto in pronto soccorso in arresto cardiaco e in ipotermia. Indagini in...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria