22.7 C
Napoli
lunedì, Maggio 16, 2022
- Pubblicità -
- Pubblicità -

GIUGLIANO. LA SERRATA DEI COMMERCIANTI CONTRO IL PROVVEDIMENTO DEL SINDACO


“Isola pedonale: un colpo mortale al commercio”. Partendo da questo i commercianti del centro, la Confesercenti e l’Ascom-Confcommercio hanno indetto per stamattina una serrata di protesta contro il varo dell’isola pedonale, che l’Amministrazione vuole far partire il 30 settembre. Tutte le categorie unite in un tam-tam ed un volantinaggio nella giornata di ieri hanno chiamato a raccolta gli esercenti ed anche i rappresentanti di categorie professionali, che hanno il proprio studio lungo la direttrice che sarà interessata dalla limitazione del traffico.
A tutti si è chiesto di far sentire la propria voce dando maggiore forza alla protesta con un invito: “dalle 9.30 alle 11,00 tieni la serranda del tuo negozio abbassata”.
Il conto alla rovescia per la pedonalizzazione “selvaggia” del tratto di Corso Campano compreso tra il Trivio e Piazza Annunziata e l’intera via Roma è iniziato, quindi, nel peggiore dei modi. Come è noto il provvedimento che l’Amministrazione capeggiata dal sindaco Francesco Tagliatatela vuole varare ad ogni costo, nasce in assenza di concertazione e contro la volontà di associazioni di categoria e residenti tutti preoccupati per quello che potrà accadere.
Tra le parti manca il dialogo e se da un lato il Sindaco fa sapere di essere convinto della bontà della ricaduta del provvedimento e di volerlo varare anche contro la volontà di chi lo critica, dall’altro i commercianti si chiedono come mai sia possibile partire con un’isola pedonale in assenza di comunicazioni alla cittadinanza e di percorso di accordo con le categorie più interessate dalla zona a traffico limitato.
La Confesercenti si è fatta promotrice di incontri e di condividere il disagio degli operatori commerciali e farsi portavoce delle tante difficoltà a cui andrebbero incontro se la pedonalizzazione partisse in assenza di servizi a supporto, che possano alleviare i disagi a residenti, clienti e commercianti.
Lunedì sera nel corso di un direttivo anche l’Ascom ha ufficializzato la propria posizione ed è concorde con le posizioni assunte dall’associazione presieduta da Giuseppe Magliacano.
“Qualcuno ha detto che noi siamo d’accordo con l’isola pedonale – ha voluto sottolineare il presidente Salvatore Palma – Mi preme precisare che non è così. Il Sindaco può tentare tutto quello che vuole, ma se non dà i servizi non siamo con lui. Può provare, sperimentare come dice lui, ma quando si ha tutta la cittadinanza contro a che serve?”
Anche l’Ascom, quindi converge sulle posizioni delineate dalla Confesercenti rammaricata che l’isola pedonale sia stata licenziata senza il coinvolgimento delle categorie né tanto meno aver coinvolto i diretti interessati al provvedimento restrittivo che minacciano fuoco e fiamme, ma le cui preoccupazioni sinora non sono state ascoltate.
Il provvedimento dell’isola pedonale è passato in silenzio anche nei partiti locali che non si sono espressi anche se qualcuno si è rizelato. In verità dovevano essere i primi a prendere una posizione, ma non l’hanno fatto per cui non è noto se siano pro o contro questa Ztl così com’è.
“La Confesercenti non svolge altro che il proprio compito di tutela della categoria dei commercianti e delle piccole e medie imprese nei confronti di un provvedimento, che così com’è creerà disagi a tutti. – il direttore provinciale della Confesercenti, Tecla Magliacano – Per la nostra protesta non chiediamo aiuto a nessun politico. Siamo commercianti, operiamo nel settore tutti i giorni e viviamo da soli le nostre difficoltà. Non vogliamo che nessun partito si accrediti la paternità della presa di posizione dei commercianti che sono tutti concordi al di là delle sigle proprio perché il problema è di tutti”.
La convinzione alla base della protesta è che la pedonalazzazione selvaggia non farà altro che dare il colpo finale al commercio del centro storico già messo in ginocchio dalla grande distribuzione.
“Una rivolta è in fondo il linguaggio di chi non viene ascoltato” diceva Martin Luther King e se di rivolta proprio non si tratta, la serrata prevista per stamattina è sicuramente l’espressione di un disagio che le assomiglia molto.

RESTA AGGIORNATO, VISITA IL NOSTRO SITO INTERNAPOLI.IT O SEGUICI SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK.

- Pubblicità -
- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Omicidio del boss Reale, colpo ai D’Amico: cinque arresti

Stamattina la Polizia di Stato di Napoli ha eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal Giudice per le indagini preliminari presso...
- Pubblicità -

Nella stessa categoria